Sua eccellenza raccomandato Emanuele Filiberto

Repubblica o Monarchia? Questo si trovarono a scegliere i nostri nonni all’indomani della liberazione, oggi invece noi poveri italiani ci troviamo di fronte all’ardua questione, Emanuele sì o Emanuele no? Di Emanuele Filiberto si parla certo, colui che nell’ultimo anno ha monopolizzato la tv italiana e non solo, anche l’opinione pubblica che non sembra avere altro a cui pensare.

Lui, 38enne di normale cultura e assoluta eleganza, tranquillissimo munito di una bella faccia di bronzo, muovendo i primi passi come opinionista si è trovato a ballare con le stelle conquistando notorietà e successo. Forte della vittoria del format del Sabato di Rai Uno, Il principe Filiberto, non si è accontentato e uscito malmesso da una breve e innoqua carriera politica, si è lanciato sul palco di Sanremo 2010 al fianco del cantante Pupo, ottenendo a furor di popolo, a quanto pare, un secondo posto rischiando anche di vincere.

“Io sono il nuovo Fiorello” ha detto il golden boy Filiberto dopo aver chiuso coi fiocchi una stagione televisiva con la trasmissione “I raccomandati” al fianco del Sancho Panza  Pupo, che l’ha incoronato one show man, alla faccia degli anni di gavetta del presentatore siciliano. Certo, ironicamente Fiorello ha risposto con la stessa moneta , ritenendosi pronto a vestire gli abiti regali qualora il principino dovesse usurpargli il posto di re della tv italiana.

Ma per quante critiche gli si possano fare , i fatti stanno a zero: nella solita logica italiana la nullatenenza di Filiberto viene premiata  dal popolo. A “Ballando con le stelle“portò a casa il 49 per cento complessivo dei televoti. Tutti insieme, il resto dei concorrenti si spartì il 51. E nella finale, lui vinse con il 75 per cento e gli altri si accontentarono del 25 per cento.

I Raccomandati hanno superato il 24 per cento, le sue apparizioni distribuiscono ovunque share in abbondanza, Ciak si canta inizia venerdì e andrà benissimo.

Avanti Savoia!

Francesca Ceccarelli