Amici 9: resoconto puntata (09-03-2010 ultima parte). Lo sfogo di Elena contro le idiozie di Marco Garofalo

Elena ritorna sulla discussione avuta con Marco Garofalo in diretta. Si dice convinta di non avere ballato male e di essere vittima di un fraintendimento.

“Ho ballato di più rispetto al solito e questo mi fa felice, però mi dispiace per il discorso di Garofalo. Stasera ci sono rimasta male. È stata una scemenza, voleva farmi fare la prima parte della coreografia per vedere il linguage. È stato fuori luogo, subdolo”.

Domenica sera Garofalo ha sostituito Elena con Rodrigo in una delle due coreografie a causa del rifiuto della ragazza di cimentarsi nell’ormai noto linguage. Superata però quella, la polemica è proseguita nel secondo pezzo del maestro, che ha criticato Elena per l’esecuzione ‘moscia’: “La seconda era più ballata e per la prima volta non ho cambiato nulla. E quindi l’ho fatto, non è vero che non ho spinto, anzi. Lui per tutta la settimana mi ha detto di ammorbidire in alcuni momenti e mentre ballavo veramente pensavo a quello che lui mi aveva detto. E poi ha frainteso. Ho detto ‘maestro perché dice queste idiozie’”.

Garofalo si è molto risentito per queste parole e ha detto in diretta di non volere avere più alcun rapporto con la ragazza. Nonostante ciò lei non si scusa, anzi è convinta di essere nel giusto: Non avrei mai detto che è un idiota. Ma perché lui deve dire che l’ho marcata. La mia frase non voleva essere offensiva, volevo sottolineare la falsità della frase detta. Io sto imparando altre cose e ho nei suoi confronti un atteggiamento di apertura, ma lui che è adulto non ha questa maturità. Durante la settimana pare che vada tutto bene e poi la domenica no. Le altre volte penso lo dicesse tanto per…ma ora mi da fastidio”.

La ragazza è convinta di essere la principale indiziata per la prossima eliminazione e non vuole ombre sulle sue capacità: “Uscire cosi non mi pare giusto. Senza presunzione io penso di saper fare tante cose . Ho dimostrato la mia versatilità, faccio tutto, riuscendo e non sbagliando, i fatti parlano. E lui, non dico che dovrebbe dimostrarmi stima, ma è proprio un muro, una pietra, un masso”.