Grande Fratello 10, Gorgio Ronchini esprime il suo disappunto verso la strategia di Mauro Marin

Nel corso della conferenza di chiusura del reality Grande Fratello 10, ad avere la parola è stato soprattutto il vincitore Mauro Marin. Poi però, la palla è passata anche agli altri tre finalisti.

Subito dopo la fine del reality di Canale 5, Grande Fratello 10, ovviamente anche gli ultimi ragazzi reclusi fino alla fine, hanno potuto scoprire tutto ciò che è veramente avvenuto durante la loro permanenza, sia dentro che fuori la Casa.

Il primo a rendersi conto di atteggiamenti che, fino a quando era nella casa, non avrebbe mai immaginato, è stato proprio il rappresentante di telefonia veneto, Giorgio Ronchini, secondo classificato e rimasto fino agli ultimi minuti della decima edizione del reality, insieme all’altro veneto, il trionfatore indiscusso, Mauro Marin. E così, in riferimento ad uno degli ultimi avvenimenti, ha commentato con parole dure il grande gioco di strategia messo in atto dal Marin: “Quando mi hai scelto sulla porta bianca potevi dirmelo in faccia che avevi detto ‘Fuori un altro ancora’. Potevi essere sincero e dirmelo anzichè parlare di amicizia!”.

Mauro, di convesso, ha replicato affermando che la sua è stata solo una risposta a quanto precedentemente accaduto, continuando, anche in quel caso, a giocare, e lo ha spiegato usando la metafora del gioco del calcio: “Durante una partita di calcio si prendono spintoni e si danno. Io ne ho ricevuti e ho giocato per rispondere”.

Ma Giorgio non è il solo ad esprimere il suo disappunto nei confronti della strategia adottata dal vincitore. Anche Alberto, il primo dei quattro finalisti rimasti in gara ad abbandonare la casa, ha affermato: “Lo sa anche lui che si è comportato male nei confronti di Veronica, Carmela, Mara per esempio”. Il ragazzo ha poi affermato di non provare tanta delusione per la mancata vittoria. Avrebbe di sicuro preferito Giorgio e poi Cristina tra i finalisti assoluti, per poi sottolineare che la vincita dei 250 mila euro messi in palio, non era per lui importante, venendo da una famiglia benestante.

Cristina, invece, unica donna ad arrivare fino all’ultimo giorno di gioco, ha così commentato la sua partecipazione al reality: “Sono sempre stata me stessa, anche se mi hanno dato dell’anonima. Sono felice di essere arrivata alla fine pur restando me stessa non rispecchiando i canoni televisivi. Nella casa ho avuto la conferma una volta di più che io amo il mio lavoro: i bambini mi danno tutto quello di cui ho bisogno. Il mio desiderio sarebbe stato quello di aprire un asilo nido e se avrò l’opportunità lo farò. Non mi sento pronta ad un mondo televisivo”.

Emanuela Longo