Grande Fratello 10, Mauro Marin: “Sono soprattutto un giocatore”

Mauro Marin continua a rilasciare dichiarazioni e interviste, come è giusto che sia. Il trionfatore del Grande Fratello 10 adesso, potrà totalmente rendersi conto dell’amore che lo circonda fuori dalla Casa più spiata d’Italia.

Riguardo proprio l’amore che la gente gli sta dimostrando, il “profeta” sperava di essere tanto amato fuori? Mauro dichiara: “Davvero non lo immaginavo, ma ne sono stato felice. Non l’ho capito neppure quando un aereo con la scritta “Mauro resisti” ha sorvolato l’appartamento in cui eravamo. Subito dopo l’uscita me lo ha confermato mia madre e l’ho verificato personalmente navigando su Internet e guardando i giornali”. Cosa avrà detto quindi mamma Valeria? Mauro esclama: “Innanzitutto i miei hanno dovuto cambiare numero di telefono, erano assediati dalle chiamate di fan ed ammiratori. Poi ho saputo che mi hanno seguito persino in Groenlandia. E una signora dal Portogallo ha inviato a casa mia venti euro perché venissero utilizzati in chiamate per il televoto a mio favore. Molte signore di una certa età la sera andavano a letto preoccupate per quello che durante la notte avrebbe potuto accadermi nella casa, visto che non ero per niente benvoluto. Alcune addirittura facevano i turni dinanzi alla tv per assicurarsi della mia incolumità e lo riferivano alla mia mamma”.

Mauro intanto, ci spiega ancora una volta le sue tattiche di gioco: “Io sono entrato a una settimana di distanza dagli altri. Dovevo quindi cercare di scardinare il rapporto che già si era creato tra il gruppo. Confesso che per raggiungere il mio scopo ho anche assunto degli atteggiamenti trasgressivi, come presentarmi spesso in mutande. Ma tutto era contenuto nei limiti della decenza. Mica come si è comportato Paolo che lo scorso anno si è denudato ed è stato espulso. Io ho dei valori nei quali credo, ma sono soprattutto un giocatore. E mi sono regolato di conseguenza (con più o meno lealtà)”.

Andando un po’ indietro nel tempo invece, qual è il ricordo più brutto che ha della Casa? Mauro afferma: “I calci che mi dava Carmela: erano talmente pesanti che somigliavano a quelli di un uomo…”


V.g.