La Seredova cattiva sul grandeschermo

0
CONDIVIDI

La modella praghese, attrice e compagna del portiere per eccellenza Gianluigi Buffon ritorna sul grandeschermo.
La Seredova sarà al cinema con la pellicola ” La valigia sul letto“, commedia in cui ha recitato al quinto mese di gravidanza nei panni di una spietata assassina.
Ieri durante la presentazione del film a Roma ha dichiarato pero’ di volersi dedicare alla carriera di mamma più che a quella di attrice.
La showgirl e il portierone dovevano sposarsi dopo la nascita del secondo figlio, ma 4 mesi non sono bastati a una delle coppie più fotografate del jet set per pianificare le sospirate nozze.
Per Buffon infatti ci sono in vista i mondiali di calcio in Sudafrica mentre la Seredova è stata impegnata finora sul set; ma adesso giura che si fermerà per un paio di mesi per prendersi cura dei figli.
Si fermerà per un paio di mesi e poi ricomincerà a guardarsi intorno, tra cinema e tv, anche se sottolinea il fatto che dal cinema non ha ricevuto proposte mentre sul versante televisivo sembra proprio bollire qualcosa in pentola.
Ma per i nuovi progetti, c’è tempo e non vuole pensarci almeno prima di quest’estate, dopo che si saranno tenuti i mondiali.
Infatti Alena sarà impegnatissima e decisa a seguire il suo “Gigi” in Sudafrica. Ha infatti dichiarato che volerà a Cape Town per una settimana e se l’Italia passerà il primo turno ma non porterà con sè i bambini in quanto non la ritiene una destinazione a loro adatta.
Infine ritornerà se la nazionale arriverà in finale e scherzosamente ammette ” ho già prenotato mia madre per fargli da baby sitter”.
Con o senza nozze la coppia sembra proprio funzionare: una casa a Torino, due figli, due carriere parallele ma sempre pronti a seguirsi sul campo di battaglia dell’altro: per lei lo stadio, per lui il set.
Si toglie anche qualche sassolino dalla scarpa: ”  non mi sento un’attrice ma  sono spontanea, mi diverto, anche se non sono di  certo da premio Oscar e ad ogni modo è sempre meglio che lavorare nel mondo della moda, un mondo fatto di imposizioni e non puoi nemmeno toccare il cibo, o diventare mamma” per poi continuare ” la maternità sul lavoro è stressante ma mi ha migliorata come persona e mi ha raddolcita”.

E in cantiere, sembra già esserci un terzo pargoletto in casa Buffon