L’ ex gieffina Veronica Ciardi ammette: “La mia vita prima del GF? Un incubo”

Il suo ingresso nella casa del “Grande Fratello” è stato paragonabile ad un uragano che ha spazzato via gli equilibri che prima del suo arrivo, regnavano indiscussi.

L’ ex concorrente Veronica Ciardi, 24enne romana e con vitalità e carattere da vendere ha costituito per molte settimane la concreta alternativa al femminile alla vittoria, poi dimostratasi fuori discussione e conquistata dal salumiere veneto Mauro Marin, con il quale ha anche avuto un flirt quando ancora il loro rapporto era florido e non contaminato da astio e rabbia.

L’ eliminazione di Veronica dallo stabile di Cinecittà, arrivata proprio dal ballottaggio che ha messo a diretto confronto la vivace romana con l’ odiato, dagli altri coinquilini dell’ appartamento, Mauro ha inevitabilmente scatenato una morbosa ricerca della sua presenza ed una caccia parossistica alle sue dichiarazioni piccanti ed indiscrete sulle esperienze passate e sulla vita movimentata che Veronica ha dovuto affrontare.

Tante le ospitate nei più seguiti programmi del palinsesto Mediaset; da “Domenica Cinque“, dove ha parlato apertamente a Barbara D’ Urso, ricordando il terribile aborto eseguito quando aveva appena 15 anni, una ferita indelebile che l’ ha segnata nel profondo, al tunnel buio della dipendenza da stupefacenti, in particolare la cocaina a cui è ricorsa per tentare di evadere dalla triste realtà in cui versava.

Molteplici, dunque le disavventure capitate all’ esplosiva concorrente del reality show che ha spiegato, durante un’ intervista al settimanale “Vero”, le ragioni della sua partecipazione al Grande Fratello, quasi con un risvolto terapeutico:

“Ho partecipato al GF per cambiare la mia vita che stava andando a rotoli. Non avevo un euro ero fuori casa e sofferente. Volevo dare un giro diverso alla ruota della mia esistenza. Non mi ha mai ispirato fare l’attrice. Non ho mai avuto modo di pensare a cosa fare dopo questa esperienza” – ha spiegato la ragazza, educatrice per l’ infanzia durante il giorno e provocante cubista nelle ore notturne. Il suo sogno per il futuro prossimo, quando le luci della ribalta si saranno placate è aprire un asilo nido tutto suo che le garantisca uno stile di vita sicuro e stabile.

Gionata Cerchiara