Un parcheggio sospeso sopra i binari della stazione di Roma Termini. Oggi al via i lavori

I lavori iniziati oggi presso la stazione romana di Termini daranno vita al primo parcheggio sopraelevato d’Europa. Si tratta di una speciale piattaforma d’acciaio e calcestruzzo che verrà situata sopra i binari della stazione. L’attuazione di questo straordinario progetto alleggerirà, in parte, la mole di traffico che ruota nei dintorni del principale snodo ferroviario cittadino. Dal nuovo parcheggio, che verrà sviluppato su tre piani accessibili attraverso una rampa da via Marsala, si ricaveranno, infatti, ben 1.400 posti auto e 180 posti moto.

Le fasi operative preliminari sono partite lo scorso settembre. I lavori, affidati all’ATI Ing. Claudio Salini Grandi Lavori SpA e IRCOP SpA, interferiranno pochissimo con la circolazione ferroviaria grazie alla tecnica di “varo a spinta”, di solito utilizzata per la costruzioni di ponti ma mai per un parcheggio di questo tipo. Una volta terminata, saranno necessari quattro anni, la nuova piastra permetterà di passare dai 238 parcheggi attuali gestiti da Grandi Stazioni a 1.640.

Alla presentazione del progetto erano presenti l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, l’amministrazione delegato di Grandi Stazioni, Fabio Battaggia ed il sindaco di Roma, Gianni Alemanno. Moretti, illustrando l’iniziativa, ha posto l’accento su quanto la costruzione dell’opera sia incentrata sullo sviluppo del servizio ferroviario. “Con questo progetto, – ha affermato – costato 82 milioni, si fa un enorme passo in avanti per abbattere le ultime barriere e risolvere il problema principale della stazione di Termini, ovvero la conclamata mancanza di parcheggi nell’area circostante, che rende piuttosto difficoltoso il raggiungimento del posto del servizio ferroviario stesso”.

Estremamente soddisfatto anche il sindaco della capitale. “La struttura verrà realizzata seguendo il principio del multilivello – ha riferito nel corso del suo intervento – che dovrà muovere la logica delle grandi opere. La realizzazione dei parcheggi, invece, – ha aggiunto – è in piena sintonia con il piano comunale per la creazione di 60 mila posti auto rotazionali e pertinenziali nella città”.

Mauro Sedda