Calcio: il Manchester City (ri)piomba su Buffon

Diciamola tutta: un calciatore al giorno d’oggi è un pò come un novello Ulisse, sempre pronto a scorazzare per mezzo globo alla ricerca di una maglia e di un ingaggio. Un continuo errare che lo porta in alcuni casi al compimento di un sogno. Anche Gigi Buffon ha realizzato il suo, seppur minacciato da alcuni eventi extra calcistici. Il portierone consacra la sua attività da professionista col passaggio dal Parma alla Juventus. A Torino Super Gigi vince scudetti, sfiora la Champions, vince un mondiale salvo vedersi poi gettato nel limbo della Serie B dopo Calciopoli( il processo più veloce nella storia del nostro Paese). Gli ultimi due anni non sono stati proprio esaltanti: un organico non all’altezza ha ridimensionato i sogni di gloria di Juve e del portierone della nazionale. In più ci si mette anche l’età che avanza, gli infortuni sempre più frequenti e alcune prestazioni al di sotto delle aspettative.

A dare il colpo di grazia ecco giungere dall’ estate scorsa il richiamo di sirene inglesi( un’altra analogia con Ulisse )provenienti da Manchester , sponda City.

Lo sceicco Mansour, proprietario del Manchester City

Una squadra ambiziosa quella inglese, che vuole divincolarsi dall’ombra dello United. Lo sceicco Mansour, proprietario dei Citizens, stravede per Buffon. Lo dimostra l’offerta rifiutata dalla Juve in estate di 70 milioni di euro. Una cifra considerevole e un grande dimostrazione di affetto della società bianconera nei confronti del suo numero 1 con il niet allo sceicco.

Ora però il Manchester City concede il bis. Nei giorni scorsi è trapelata la notizia di una nuova offerta degli inglesi per Buffon di 35/40 milioni di euro. Non si tratta di fantamercato ma di una vera e propria caccia all’uomo. Ci si è messo di mezzo anche il neo ct del City, Roberto Mancini, che in quanto ad ambizione non è secondo a nessuno.

La Juventus vacilla questa volta. Buffon quest’anno ha offerto prestazioni non certo esaltanti. Se  si aggiunge che c’è una squadra da rinnovare di almeno 4 o 5 elementi, la cifra incassata dall’eventuale cessione del portiere farebbe comodo a Madama.

La sensazione è che le somme si tireranno a fine stagione. Tante le variabili e i se: tutto dipende dalla qualificazione alla Champions League delle due squadre e dagli obiettivi di mercato della Juventus che potrebbe vedersi costretta a sacrificare Buffon.

Emanuele Zambon