F1, Gp Bahrain: Vettel in pole, seguono le Ferrari

I primi verdetti di questo Gran Premio arrivano e sono positivi per le Ferrari; non c’è la Pole che va a Vettel ma Massa e Alonso sono li nelle prime file.

Con il tempo di 1:54.101 la Red Bull di Sebastian Vettel si aggiudica la prima pole della stagione sul tracciato del Bahrain. Al secondo posto si piazza il brasiliano della Ferrari Felipe Massa e al terzo l’altro ferrarista Fernando Alonso.

Come abbiamo già scritto c’è una prima fase di eliminazione in cui vengono esclusi 7 piloti. Nella q1 di oggi sono stati eliminati:

18 Alguersuari (Toro Rosso)
19 Glock (Virgin)
20 Trulli (Lotus)
21 Kovalainen (Lotus)
22 Di Grassi (Virgin)
23 Senna (HRT)
24 Chandohok (HRT)

Si prosegue poi con la seconda parte delle qualificazioni che porta all’esclusione di altri 7 piloti:

11 Barrichello (Williams)
12 Liuzzi (Force India)
13 Hulkenberg (Williams)
14 De la Rosa (BMW Sauber)
15 Buemi (Toro Ross)
16 Kobayashi (BMW Sauber)
17 Petrov (Renault)

Questi invece i primi dieci piloti classificati:

1 Vettel (Red Bull) 1:54.101
2 Massa (Ferrari)
3 Alonso (Ferrari)
4 Hamilton (McLaren)
5 Rosberg (Mercedes GP)
6 Webber (Red Bull)
7 Schumacher (Mercedes GP)
8 Button (McLaren)
9 Kubica (Renault)
10 Sutil (Force India)

Bene quindi le Ferrari; le Mc Laren restano dietro. Per Schumi un settimo posto che comunque va bene all’ex ferrarista rientrato quest’anno dopo il ritiro. Male gli italiani che partiranno dalla sesta fila Liuzzi( Force India) e dalla decima Trulli ( Lotus).

Ecco le parole del pilota tedesco della Red Bull dopo aver ottenuto la Pole. “È stata una grande sorpresa. Durante i test invernali nessuno sapeva a che punto fossimo. Ci sono 4 team di livello assoluto, noi venerdì abbiamo avuto diversi problemi in una giornata lunghissima. I meccanici hanno dovuto lavorare fino a notte fonda. Eravamo pronti a spingere –aggiunge-  pensavamo di avere una macchina competitiva. Nelle libere siamo andati bene e nelle qualifiche è arrivata questa splendida pole. È bellissimo essere davanti a tutti”.

Filomena Procopio