Calcio, Serie A: Spettacolo a Marassi, Genoa batte Cagliari 5-3

Splendida gara questo pomeriggio allo stadio Marassi di Genova tra Genoa e Cagliari. Com’era nelle previsioni della vigilia, le due squadre offrono un’ottimo spettacolo agli spettatori del Ferraris, regalando gol ed emozioni a grappoli da una parte e dall’altra. Alla fine ha la meglio il Genoa, che costruisce più occasioni dei sardi e si porta, grazie a questo risultato, al settimo posto in classifica.

Gasperini è costretto a rinunciare all’ultimo momento a Suazo, che viene sostituito da Palladino con Sculli che funge da centravanti nel tridente. Dall’altra parte Allegri recupera Ariaudo in difesa, schiera a sorpresa Dessena in mezzo al campo e affianca Larrivey a Matri in avanti.

L’inizio del match è tutto dei padroni di casa, che colpiscono due legni nel primo quarto d’ora: all’8° è Sculli a timbrare il palo, mentre al 15° Bocchetti colpisce la traversa. In entrambe le occasioni decisive le deviazioni di Marchetti.

Ma un minuto dopo, alla prima occasione buona, il Cagliari passa: Biondini lavora un pallone sulla sinistra (oltre la linea di fondo?), palla per Matri che crossa in mezzo dove Dessena infila a porta sguarnita.

La gara si innervosisce, il Genoa sembra perdere un po’ il filo del gioco fino a quando, al 33°, Rossi colpisce il terzo legno, stavolta a Marchetti battuto. Tre minuti più tardi arriva il meritato pareggio della squadra di casa: fallo ingenuo in piena area di Astori su Palacio e dal dischetto Zapater trasforma il penalty.

Passano altri tre minuti e il Genoa trova addirittura il vantaggio: gran giocata di Palladino sull’out di sinistra, palla in mezzo e Palacio, di tacco, infila Marchetti.

Il Genoa non fa in tempo ad esultare che il Cagliari pareggia: Cossu gestisce bene un pallone in area, serve l’accorrente Conti che di piatto infila Amelia nell’angolino per il 2-2.

Il finale di primo tempo è tutto di marca ligure, con due gol in due minuti: prima è bravo Sculli, su un’uscita maldestra di Marchetti, ad appoggiare di testa nella rete sguarnita una palla alta di Papastathopoulos, poi Rossi, su splendido assist di Milanetto, brucia la difesa ospite firmando il provvisorio 4-2.

Inizia la ripresa e la gara si riapre subito: al 9° Cossu si infila in area di rigore dove viene steso da Bocchetti, Matri si presenta dal dischetto e spiazza Amelia per il 4-3.

Cinque minuti più tardi arriva il gol che chiude la gara: cross dalla sinistra in mezzo all’area, Palacio fa da sponda per Milanetto che in sforbiciata, dal centro dell’area, mette la palla nell’angolo basso.

Dopo il gol del 5-3 la gara si spegne, il Cagliari prova qualche sortiuta ma si rende pericoloso solo con Barone nei minuti finali.

GENOA-CAGLIARI: 5-3

Marcatori: Dessena (C)al 16′, Zapater (G) su rigore al 36′, Palacio (G) al 39′, Conti (C) al 41′, Sculli (G) al 43′, Rossi (G) al 45′ del p.t.; Matri (C) su rigore al 9′, Milanetto al 14′ del s.t.

Genoa (3-4-3): Amelia; Papastathopoulos, Moretti (13′ s.t. Mesto), Bocchetti; Rossi, Milanetto, Zapater (17′ s.t. Juric), Criscito; Palacio, Palladino (dal 32′ s.t. Kharja), Sculli. All. Gasparini.

Cagliari (4-3-1-2): Marchetti; Marzoratti, Ariaudo (1′ s.t. Barone), Astori, Agostini; Dessena, Conti, Biondini; Cossu; Matri (34′ s.t. Nené), Larrivey (23′ s.t. Jeda). All. Allegri.

Arbitro: Baracani.

Note: ammoniti Rossi, Conti, Cossu, Astori, Bocchetti, Papastathopoulos.

Pier Francesco Caracciolo