Home Sport

Basket, Serie A: Siena resta imbattuta, Montegranaro al secondo posto

CONDIVIDI

Una azione di Lottomatica Roma-Scavolini Pesaro (Fotoinazione.it)
Dopo lo choc della prematura eliminazione dall’Eurolega e le sette camicie sudate una settimana fa per superare la modesta Ferrara, il Montepaschi Siena riprende speditamente la propria trionfale marcia nel campionato di basket di Serie A. Superando tra le mura amiche del PalaMensSana l’Angelico Biella col punteggio finale di 97-65, i campioni d’Italia in carica portano a 21 la striscia consecutiva di vittorie stagionali, che diventano 25 considerando tutte le competizioni nazionali finora disputate nell’annata 2009/2010.
Mai in discussione il successo degli uomini di coach Simone Pianigiani, nettamente avanti (+14) già al termine dei primi 10 minuti di gioco e mai in affanno nel contenere gli avversari, galvanizzati dall’affermazione di domenica scorsa contro Roma ma inermi di fronte alla corazzata biancoverde, guidata da un eccellente Romain Sato da 17 punti e 25 di valutazione. Ai piemontesi non sono bastati i 18 punti e 9 rimbalzi di Achara per evitare il pesante passivo; mentre il Montepaschi fa bottino pieno con 21 successi in altrettante gare, Biella resta così ferma al decimo posto a quota 18 punti, ma ancora più che virtualmente in corsa per un posto nei playoff.

Lotta per la conquista della post season che ormai coinvolge gran parte delle formazioni di Serie A. Ad accorciare ulteriormente la classifica ci ha pensato la Pepsi Caserta, che nell’anticipo del sabato sera è uscita sorprendentemente battuta 59-67 sul proprio campo contro la Banca Tercas Teramo. Dopo un promettente avvio di gara, qualcosa si è decisamente inceppato nell’attacco dei campani, incapaci di raggiungere quota 60 – per colpa principalmente dei molti errori al tiro da 3 della coppia USA Jones-Ere, 3/12 in totale per i due americani – e presto superati nel punteggio dagli ospiti.
I 2 punti messi in cascina consentono anche a Teramo di agganciare la decima piazza in graduatoria – a 4 lunghezze dalla zona playoff – mentre la Pepsi di coach Sacripanti deve fare i conti con l’aggancio al secondo posto operato dalla Sigma Coatings Montegranaro, che contro la derelitta (e ormai retrocessa anche matematicamente) Napoli dei baby fa il suo scontatissimo dovere centrando la sua ottava vittoria consecutiva, vittoria che vale la momentanea piazza d’onore e che continua a far sognare in grande i tifosi marchigiani. Chi invece non ne approfitta e perde il treno per la seconda piazza è l’Armani Jeans Milano.

Nello storico e sempre infuocato derby lombardo contro la Ngc Cantù, la compagine meneghina getta alle ortiche una affermazione che per larghi tratti di gara sembrava alla sua portata, consegnando nel finale – “grazie” alla miseria di 6 punti segnati dall’Armani nel corso dell’intero ultimo quarto – il successo (64-59) ai brianzoli e all’entusiasta pubblico del Pianella, con sugli scudi lo statunitense Leunen (top scorer a quota 21) e il play di casa Jerry Green, autore dei canestri decisivi che hanno tagliato le gambe ai biancorossi di coach Bucchi.
Tutta Cantù ringrazia e si issa così al sesto posto in classifica, agganciando a 24 punti l’Air Avellino, uscita con le ossa rotte dal parquet di Ferrara dove la Carife conferma il suo buon momento di forma – nonostante le recenti onorevoli sconfitte contro Roma e Siena – sconfiggendo gli irpini per 78-63, con Jackson e Ford autori di 22 punti a testa. L’affermazione degli emiliani incendia ancor più la bagarre per non retrocedere in Legadue, lotta dalla quale cerca di allontanarsi la Vanoli Cremona che – rigenerata dalla cura del nuovo coach Attilio Caja – compie l’impresa della domenica espugnando il campo della Benetton Treviso col punteggio di 70-72.

Per i lombardi, trascinati al PalaVerde dai 20 punti di Troy Bell, è la terza vittoria nelle ultime 3 gare, nonché un importante mattone posato sulla strada della salvezza. Sprint-salvezza che si preannuncia comunque lunghissimo ed incerto, nel quale rientra suo malgrado anche la Scavolini Pesaro di coach Dalmonte, battuta 70-61 a Roma contro una Lottomatica che però è riuscita ad avere la meglio sui marchigiani solamente nelle ultime battute del match. Ai colpi inferti dalle stelle pesaresi Hicks e Williams ha risposto, in maglia Virtus Roma, Jacopo Giachetti: il play di origini toscane si conferma così una delle note più liete di questo scorcio di stagione per il suo coach Matteo Boniciolli, regalando – coi suoi 15 punti – ai capitolini un successo di vitale importanza per il prossimo futuro.
Con i 2 punti faticosamente messi in cascina, la Lottomatica approfitta così dell’inatteso stop di Treviso e si porta solitaria all’ottavo posto, l’ultimo utile per raggiungere i playoff. Fase ad eliminazione diretta che non dovrebbe ormai sfuggire alla Canadian Solar Bologna: superando in agilità, col finale di 80-67 (20 il bottino personale del top scorer, il play bianconero Collins), la Cimberio Varese, i felsinei agguantano la quarta piazza in coabitazione con l’AJ Milano e si confermano – con 4 successi nelle ultime 5 giornate – una delle più pericolose mine vaganti del campionato, da qui a fine stagione.

Il quadro completo dei risultati della 21ma giornata:
Pepsi Caserta-Banca Tercas Teramo 59-67
Sigma Coatings Montegranaro-Nsb Napoli 141-82
Ngc Medical Cantù-Armani Jeans Milano 64-59
Montepaschi Siena-Angelico Biella 97-65
Lottomatica Roma-Scavolini Spar Pesaro 70-61
Carife Ferrara-Air Avellino 78-63
Canadian Solar Bologna-Cimberio Varese 80-67
Benetton Treviso-Vanoli Cremona 70-72

Classifica:
Siena 42
Montegranaro 28
Caserta 28
Milano 26
Bologna 26
Cantù 24
Avellino 24
Roma 22
Treviso 20
Teramo 18
Biella 18
Varese* 16
Cremona 16
Pesaro 14
Ferrara 12
Napoli** -8

* Varese 2 punti di penalizzazione
** Napoli 8 punti di penalizzazione

Daniele Ciprari