Calcio, Borini su Chelsea-Inter:” Sarà una battaglia”

 
Stasera allo Stamford Bridge di Londra si gioca il ritorno degli ottavi di finale tra Chelsea e Inter.
Si parte dal risultato di 2-1 in favore dei nerazzurri, risultato che non garantisce la possibilità all’ Inter di poter gestire la gara, ma che costringe gli uomini di Mourinho a giocarsela per fare almeno un gol.

In esclusiva a Tuttomercatoweb.com, ha parlato l’ attaccante del Chelsea  Fabio Borini:
 “E’ l’unica squadra italiana rimasta e quindi l’Italia spera nel passaggio dei nerazzurri, però sarà la seconda battaglia di una guerra. Vedremo chi ne uscirà vivo”.

L’Italia si aggrappa all’Inter. Tutte le italiane infatti sono uscite dalla Champions. Il calcio italiano è davvero inferiore?
“Non credo sia inferiore, almeno da un punto di vista tattico. Forse il ritmo e le capacità fisiche sono leggermente inferiori, però non penso ci sia grandissima differenza nelle grandi squadre. La Fiorentina è uscita in modo sfortunato e deciso dagli episodi, mentre il Milan è uscito contro una grande squadra che negli ultimi due anni è arrivata fino alla fine. Ci può stare”.

All’andata avete perso ma non avete demeritato. Cosa non ha funzionato?
“Il risultato è stato negativo però non penso lo sia stata la prestazione. Abbiamo fatto la nostra partita e quello che ha chiesto il mister, poi alcuni episodi non sono stati dalla nostra parte, come la traversa e il rigore Kalou. La partita l’abbiamo giocata, l’unica pecca è il risultato”.

Intanto l’Inter in campionato perde colpi. Per i nerazzurri è crisi?
“L’ho vista giocare un po’. Magari non esprime lo stesso calcio di inizio stagione a causa di un calo fisico però l’Inter è una grande squadra e sa come uscire da questa situazione”.

Stasera mancherà Balotelli. L’agente ha detto che il giocatore è deluso e amareggiato, quanto è importante la sua assenza?
“Mario è un grandissimo calciatore, ci ho giocato in Under 21, è un grande giocatore. E’ ancora giovane e quindi deve abituarsi a qualche chiamata del tecnico che non può piacergli però il calcio è fatto di gioie, delusioni e chiamate del mister che non piacciono. Qualsiasi decisione va presa in modo positivo e con la voglia di andare avanti”.

Giocate in casa, vi sentite favoriti?
“In casa siamo molto forti, per noi giocare in casa è importante, soprattutto in una partita delicata contro Mourinho che molti miei compagni lo hanno avuto come allenatore e li ha fatti crescere. Può essere un vantaggio”.

Sarà anche la partita di Ancelotti contro Mourinho.
“Il mister è molto tranquillo, non ce la fa vivere come una sfida personale”.

Ancelotti è indicato come uno dei possibili successori di Lippi sulla panchina dell’Italia. Come lo vedresti sulla panchina azzurra?
“Ora lo vedo solo come l’ allenatore del Chelsea e penso che non si faccia condizionare da queste dicerie. Il mister ha i suoi obiettivi con noi e spero continui così. Ancelotti si adatta a tutte le situazioni, potrebbe allenare anche la Nazionale ed eventualmente sarebbe un lavoro importante anche lì”.

Un pronostico sulla partita?
“1-0 per noi in modo che portiamo a casa la qualificazione. Va bene anche un autogol .

Fonte: tuttomercatoweb.com

Pasquale Della Valle