Il ciclone Tomas colpisce le isole Fiji

Nelle isole Fiji almeno 17.000 persone si sono rifugiate nei centri di emergenza mentre il ciclone Tomas, di classe quattro,  colpiva la piccola nazione del Pacifico causando, secondo le prime stime, solamente un morto.

Il Consiglio Nazionale per le Emergenze ha informato che l’esercito distribuirà cibo, acqua e altri beni di prima necessità nelle regioni più colpite, molte delle quali sono anche isolate a causa dell’interruzione delle linee telefoniche ed elettriche.

Le isole Lau e l’isola Vanua Levu, la seconda più grande del paese, sono le più colpite e in particolare le isole di Cikobia e di Qelelevu sono quelle che destano più preoccupazione, in quanto non si hanno più notizie da quando il ciclone ha colpito.

Secondo testimoni oculari alcune zone sono state colpite da onde alte fino a 7 metri, con gravi danni agli edifici; molti campi coltivati sono stati danneggiati dai venti fortissimi.

L’aeroporto internazionale di Nadi è già tornato operativo e sono già decollati i primi voli internazionali e il prossimo mercoledì verranno fatte le prim stime dei danni grazie a sorvolamenti aerei delle zone colpite.

Sebastiano Destri