Film in televisione: “Creature del terrore”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:55

Sabato sera, alle ore 22:50, Italia 1 trasmetterà, com’è, ormai, consuetudine, un horror-splatter (della serie B-movie) su animali e mutazioni genetiche. La pellicola, del 2004, si intitola “Creature del terrore” ed è diretta da Paul Ziller. Nel cast Bruce Boxleitner e Carol Alt.

Le acque del Cultus Lake sono infestate da pesci mutanti famelici. Simili a degli anfibi con la testa di serpente, questi strani animali sono in grado di sopravvivere fuori dal lago e di strisciare sulla terra in cerca di cibo. Dopo la morte di alcuni pescatori, evidentemente divorati dalle creature, la biologa Lori Dale (Carol Alt) e lo sceriffo Patrick James (Bruce Boxleitner) sono chiamati a condurre le indagini. Urge un piano d’emergenza in grado di contrastare una minaccia di portata apocalittica: i due, dunque, organizzano, insieme ad alcuni volontari armati di fucine, una spedizione volta alla perlustrazione del lago e alla difesa dagli attacchi…

Non è difficile risalire all’ispirazione originale della pellicola. Dietro questo e altri lungometraggi di genere, spunta sicuramente Nessie, il mostro mitologico che abita gli abissi del lago di Lockness. La leggenda di questa specie di dinosauro, ultimo erede di uno storico quanto mitico passato, ha ispirato, senza dubbio, secoli di arte e letteratura. Purtroppo però, a lungo andare, le imitazioni stancano e questo è anche il caso di “Creature del terrore”: infatti, anche in questo frangente, l’ambientazione è uno specchio d’acqua e il soggetto un tipo di animale malamente identificato.

Elemento di originalità dovrebbe essere la premessa (fanta)scientifica e, forzatamente razionale: i pesci killer sono stati generati dal progetto di rigenerare la fauna del lago tramite ormoni della crescita, a seguito del crollo dell’economia di un paese limitrofo il cui sostentamento era basato sull’attività dei pescatori. Direi che anche la premessa finisce per essere un tantino trita, intrisa com’è di deja vu cinematografici e espedienti da letteratura minore.

Valentina Carapella

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!