“Le Iene” provocano i gieffini, le reazioni di Giorgio, Carmela, Carmen e Tullio

“Le Iene” si sa hanno la vista lunga, scavano nel profondo e tirano fuori il peggio dei vip del momento. Ed è ovvio che i vip del momento, ricercati da tutti come se arrivassero chissà da quale successo, sono i ragazzi del “Grande Fratello 10”.

E questa volta quei “monelli” vestiti di nero hanno teso una trappola davvero efficace per scoprire i caratterini di qualcuno che già si è montato un bel po’ la testa.

Così le amate Iene hanno finto, davanti all’ingresso di una discoteca, di essere dei buttafuori, e hanno “rimbalzato” alcuni concorrenti del reality.

In pratica la “Iena”, all’arrivo dei gieffini, controllando la lista degli invitati non li faceva entrare fingendo di non conoscerli e di non leggere tra i vari nomi il loro.

I mal capitati sono stati: Giorgio Ronchini, Carmen Andolina, Tullio Tomasino e Carmela Gualtieri; e, forse, chi ha seguito con attenzione gli avvenimenti all’interno della casa e quelli dopo le varie eliminazioni, saprà già dire chi tra i quattro è stato più o meno umile nel reagire.

L’unico a reagire bene è stato, ovviamente, Giorgio Ronchini, che ha lasciato libero il passaggio; mentre Carmen Andolina è rimasta bloccata dallo stupore di non essere stata riconosciuta da nessuno; peggio ha fatto Tullio Tomasino, il quale si è lasciato andare anche a qualche parolaccia di troppo.

Ma, come da copione, la peggiore reazione è stata quella che si è impossessata di Carmela Gualtieri, nota sì per essere passionale e peperina, ma non fino al punto di non riuscire più a camminare con i piedi per terra, forte della sua “grandezza”; così la siciliana del piccolo scoglio dopo aver detto di aver passato ben 113 giorni nella casa del “GF”, si è rivolta furiosa alla finta buttafuori gridando: “Tu sei pazza … certo che l’invidia è proprio una brutta bestia… Tu per comprarti i vestiti che ho addosso in questo momento devi lavorare due anni … Sei proprio una cafona cretina … Non ti preoccupare non dico niente al tuo capo, forse un giorno puoi comprartele anche tu queste scarpe”.

Speriamo che l’imbarazzante scherzo servirà d’esempio a qualcuno per ricordare chi è realmente.

Stefania Longo