Federica Pellegrini nuota per sconfiggere il dolore

Federica Pellegrini, stella italiana del nuoto, a soli 21 anni vanta ben undici record del mondo; con Valentino Rossi è candidata all’Oscar mondiale dello sport 2010.

Per la bella atleta il riconoscimento internazionale è la cosa più importante, perché lei, negli ultimi mesi, è stata travolta da grandi dolori, che solo grazie al suo amato sport  sta riuscendo a superare.

Federica nuota per dimenticare, per dimenticare il vuoto improvviso che ha lasciato la morte di due persone fondamentali nella sua vita:  Alberto Castagnetti, il suo allenatore e ct della nazionale di nuoto, scomparso ad ottobre in seguito ad un intervento al cuore, e dopo solo 11 giorni di distanza la nonna, malata di tumore al fegato.

Inoltre, altra preoccupazione che angoscia Federica è la dialisi a cui suo nonno deve sottoporsi un giorno sì e uno no. Questo spiega anche perché lei abbia accettato con gioia di prestare la propria immagine per la “Giornata mondiale del rene”, celebrata l’11 marzo.

La giovane nuotatrice parla nell’intervista a Diva e Donna del suo momento difficile: “Da quando non c’è più Alberto questo è il momento più duro. A volte, all’improvviso mi viene da piangere, è difficile andare avanti senza la sua guida. Ogni giorno emergono nuove paure. Non mi sento più sicura di niente senza il mio principale punto di riferimento. Ho davanti tre anni duri”.

Federica dovrà affrontare le Olimpiadi di Londra 2012, è intenzionata a fare quattro gare: i 100, i 200, i 400 e gli 800 stile libero; ma ha paura che questo sogno costruito con il suo allenatore crolli, perché di lui racconta: “E’ a lui che attribuisco l’80% dei miei successi; perché lui mi ha cresciuta quando, a detta di molti, ero finita”.

Adesso il suo nuovo allenatore è Stefano Morini, da anni il vice di Alberto, ma è a lui che a dicembre, agli Europei, ha dedicato il suo oro con record nei 200 metri stile libero.

Stefania Longo