Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Premier, gaffe su Frisullo: “Finalmente un vero magistrato”. Ed era Scelsi

CONDIVIDI
Il pm Pino Scelsi

In merito alla vicenda dell’arresto dell’ex assessore allo Sviluppo economico e vice presidente della Regione Puglia Sandro Frisullo, indagato nell’ambito di una inchiesta su presunti illeciti nella sanità della regione che aveva governato, il premier Silvio Berlusconi ha a suo modo detto la sua.

L’ex vice governatore Sandro Frisullo, come va detto, oltre che a titolo di cronaca, anche ad introduzione delle varie considerazioni, era del Partito Democratico. Un personaggio dell’area di sinistra del mondo politico, peraltro non il primo ad avere problemi giudiziari, specie in quest’ultimo periodo.

Ebbene, Berlusconi, stuzzicato ieri dalla domanda se l’arresto di Frisullo dimostri che, dopotutto, non tutti i magistrati italiani sono di sinistra, ha risposto: “Non ho mai detto che lo sono tutti i magistrati, ho detto una certa parte. A Bari c’è un pm che non fa parte di questa parte”.

E subito dopo, alla domanda se sia probabile che il magistrato in questione fosse un simpatizzante di destra, il presidente del Consiglio ha proclamato con sicurezza: “Non è di destra, noi non abbiamo magistrati di destra. Io conosco solo magistrati di sinistra che agiscono a fini politici”.

Ma non aveva appena detto che quel tale pm non fa parte della sinistra? verrebbe da chiedersi. Sorvolando su questi dubbi lasciati dai suoi commenti fra le spiazzate domande ancora nell’aria, Berlusconi ha infine proclamato che comunque, evidentemente, a Bari esiste “un magistrato vero”. Evidentemente, una specie in via d’estinzione o mai originata in natura, secondo il presidente del Consiglio. Non si sa poi se sia di destra o di sinistra, ma ha fatto arrestare un politico dell’opposizione, e dunque questo sì che è un giudice, sembra essere il filo del discorso (l’unico che siamo stati in grado di cogliere nella matassa delle ultime dichiarazioni) del Premier.

Per la cronaca e l’esattezza (e anche un po’ per curiosità, visto che ormai ci siamo) il pm in questione è quello che risponde al nome di Pino Scelsi. Ed ecco che sul giudice del mistero si avvia il toto-partito. Di che partito può essere mai, un magistrato come Pino Scelsi, ormai salito a pieno merito agli onori delle prime pagine? Forse, non lo sappiamo. Però, una cosa la sappiamo: un magistrato vero, in ogni caso, lo è. Parola di Berlusconi. Che poi questo sia un onore, per un giudice come Pino Scelsi, o magari una macchia sulla carriera grazie alla quale gli amici e colleghi ancora lo prenderanno in giro fra moltissimi anni, non è dato sapere. Su certe cose che riguardano le persone è più divertente fermarsi a fantasticare, come sembra aver fatto anche il Premier.

Giusto per cronaca, infine, riportiamo senza troppi rumori le notizie sul giudice Scelsi che sono state urlate a gran voce solo pochi mesi fa dalle pagine del Giornale di proprietà della famiglia Berlusconi. Se solo fosse più letto, non diciamo dalla destra, ma almeno dalla famiglia che lo  pubblica, questo Giornale. Appena pochi mesi fa, infatti, sul numero dello scorso 21 giugno,  ne emergeva un quadro ben preciso del magistrato. Pino Scelsi, come sottolineato fra quelle pagine, dall’età di 17 anni aveva militato attivamente in Lotta Continua. Fa parte, poi, del movimento Magistratura Democratica, “grande laboratorio della sinistra in toga”, nel quale si riuniscono nel più congeniale dei modi le “toghe rosse”, per dirla secondo le espressioni del Giornale. E perché, il 21 giugno 2009, in tempi non sospetti riguardo le indagini su Frisullo e altri “sinistri”, il quotidiano in questione si è tanto interessato al giudice Scelsi? Ma semplice: il misterioso magistrato non è in realtà altri che lo stesso giudice che condusse il procedimento noto anche più del dovuto sulle escort che avrebbero colorato di compagnia ultimamente qualche giornata del presidente del Consiglio. Il pm dell’inchiesta escort. Ex Lotta Continua, “toga rossa”, membro di Md. Attuale “magistrato vero” di Berlusconi. Quando si dice che il destino sa giocare  strani scherzi!

Sandra Korshenrich

Comments are closed.