Giovane turista americano derubato e accoltellato a Roma

Un viaggio di piacere un po’ movimentato quello dei due fratelli americani che nella notte di venerdì scorso sono stati avvicinati da un gruppo di ragazzi sudamericani che ha offerto loro droga e belle donne. E’ accaduto in piazza dei Pellegrini a Campo dei Fiori, in una delle zone più famose della movida capitolina, intorno alle 3.30 di notte. I due ragazzi americani, di 19 e 21 anni, erano appena usciti da un locale quando un gruppo di cittadini di probabile nazionalità colombiana si è avvicinato a loro per proporre offerte allettanti per il dopo-cena.

Allo scarso interessamnete ostentanto dai due fratelli, i sudamericani reagiscono male e decidono di “vendicarsi” rubando il portafogli di uno di loro; ne consegue un breve inseguimento per le viuzze del centro storico di Roma che si conclude con il raggiungimento di uno dei 7 ladri il quale, sentitosi braccato, si gira per assestare 6 colpi di coltello (o di taglierino) al torace del fratello più giovane. Immediato il trasporto all’ospedale Santo Spirito dove il giovane studente statunitense viene sottoposto ad intervento chirurgico. Le sue condizioni non sono state definite preoccupanti dai medici che hanno parlato di una prognosi di 15 giorni.

I carabinieri della stazione di piazza Farnese sono impegnati nelle ricerche degli aggressori e stanno passando a setaccio i locali della zona, concentrando le proprie attenzioni su quelli solitamente frequentati da cittadini sudamericani. Ad agevoilarli potrebbero essere le regsitrazioni di alcune telecamere (siatemate nella piazza romana) che sembrano aver immortalato una scena della rissa e che potrebbero quindi rendere più agevole l’identificazione dei ladri e dell’aggressore.

Il turista ferito ha ieri ricevuto la visita in ospedale del primo cittadino di Roma, Gianni Alemanno. “A breve sarà emesso un bollettino medico – ha spiegato il sindaco ai cronisti che lo attendevano all’uscita dall’ospedale Santo Spirito – ma tra martedì e mercoledì dovrebbe essere dimesso. Ha riportato soltanto ferite superficiali, probabilmente con un taglierino”.

“Ho dato tutta la mia solidarietà al ragazzo ferito e alla sua famiglia – ha continuato Alemanno – Gli ho portato le mie scuse come primo cittadino romano e ho messo a disposizione i nostri servizi per la loro permanenza, fino a quando non partiranno. Si è trattato di una brutta vicenda, originata da un gruppo, una banda di persone extracomunitarie che prima ha offerto droga e vari intrattenimenti illegali, e poi, visto che i due ragazzi non erano interessati, si è impossessata del portafogli”.

“Da qui – ha concluso il sindaco di Roma – il diverbio e la rissa. Poi, essendo uno dei due ragazzi un marine (il fratello dell’aggredito, ndr), li ha messi in qualche modo in fuga per proteggersi dalle loro reazioni”.

Maria Saporito