Mauro Marin: “Ero un perdente nella vita”

Mauro Marin ha vinto anche perché era l’occhio critico di tutti quelli a cui non piace “Grande Fratello”, infatti, nella casa prendeva i giro tutte le lacrime e i drammi inutili.

Nell’intervista di Mauro a Verissimo, il vincitore dice: “O sei pioniere oppure cerchi di fare le cose che già hanno fatto altri nel passato; allora prima di entrare nella casa ho detto… mi preparo qualcosa… son cinque mesi, ma la cosa che là è più difficile è che non hai nessun input che può venire da un giornale piuttosto che dall’esterno, sei proprio isolato, quindi rimani solo, regredisci”.

Mauro racconta di essersi divertito nell’ultima settimana di permanenza nella casa, ma sentiva di non avere più nulla da dare, non faceva neanche quasi più i confessionali.

Dopo la battuta del simpatico Mauro, che dice di aver provato a richiamare la sua Sandra, ma che lei non risponde, dice: “Ero un perdente nella vita, tra virgolette, e mi sono ritrovato ad essere un vincitore. Passi quei momenti in cui non hai autostima, e anche la casa mi è servita per recuperare, per credere di più in me stesso”.

Silvia Toffanin, padrona di casa, chiede al vincitore del “GF10” se ha paura del futuro e cosa vuol fare adesso, la sua risposta ha il sapore di chi ha i piedi ben piantati a terra: “Voglio sottolineare il fatto che quest’anno rispetto alle altre edizioni… io mi reputo una persona vera, attaccata alla normalità, quindi, in questi periodi di crisi, mi pago qualcosa di reale, un mutuo”.

Tutti vogliono Mauro Marin nelle proprie trasmissioni, si è costruito un personaggio che fa curiosità, già a partire dai provini, dove si è presentato tutto vestito di bianco facendo credere di essere un discendente del Doge di Venezia.

Mauro dice: “Mi piace la vita, il mio sogno è quello di avere una famiglia”.

Altro che perdente Mauro Marin!

Stefania Longo