Chievo-Catania, pareggio sospetto: si muove la Procura della Figc

Era un pareggio ampiamente annunciato, e pareggio è stato. Il risultato era tanto previsto che già da martedì scorso i bookmakers italiani avevano sospeso le puntate su Chievo-Catania: erano state troppe le puntate sull’ “X” della partita del Bentegodi, e le principali agenzie di scommesse, capita l’antifona, avevano deciso di non accettare più puntate sul match. Anche se per ora non è stata ufficialmente aperta un’inchiesta, anche la Procura della Figc sta acquisendo informazioni sulla partita.

Anche in Inghilterra c’è stato un flusso anomalo di scommesse sulla gara del Bentegodi. I bookies inglesi, però, non sono stati abbastanza scaltri, e hanno bloccato le scommesse solo giovedì, quando ormai la somma di denaro puntata sul pareggio del match di Verona era molto elevata. Il tabloid inglese Sun, nell’edizione di questa mattina, ha sottolineato come un’ ingente somma di denaro, oltre 2,2 milioni di euro, sia stata puntata solo attraverso Betfair, la principale società di allibratori britannica. Non solo: le puntate sul risultato finale (l’1-1 con cui si è chiuso l’incontro) sono state di ben 217 mila sterline.

Uno scommettitore professionista inglese, che ha preferito rimanere anonimo, ha rivelato al Sun: “Già mercoledì scorso molte persone erano convinte che la partita si sarebbe conclusa in parità, tutti parlavano di ‘Italian Job(allusione al film dallo stesso titolo che in questo paese è diventato sinonimo di truffa). Perchè la quantità di soldi era incredibile per una partita con due squadre simili. Nessuno qui conosce questi club, e la partite non è stata neppure trasmessa“.

Pier Francesco Caracciolo