Giancarlo Abete: “Lippi dovrà tenere conto della crisi Juve”

Marcello Lippi ha già compilato la lista dei giocatori che porterà in Sudafrica per difendere la Coppa del Mondo, ma la crisi della Juventus potrebbe portarlo a modificare qualcosa a meno di tre mesi dall’inizio della competizione che ogni calciatore sogna di poter giocare. La pensa così Giancarlo Abete:  “È naturale che la situazione di difficoltà di una squadra come la Juventus, che dà tanti giocatori alla Nazionale, fornisca dei punti di riflessione. Se la difficoltà dei bianconeri si è appalesata così forte nel campionato è un’opportunità per il ct azzurro di fare per tempo le sue valutazioni. La realtà è sotto gli occhi di tutti, meglio conoscerla prima che avere sorprese a poche settimane dal Mondiale”. Così ha sentenziato il presidente della Figc a “La politica nel pallone” rubrica di Gr Parlamento, che prosegue: “È un’annata difficilissima per la Juventus e ne sono perfettamente consapevoli dirigenti, tecnico e giocatori. Non solo non sono stati raggiunti gli obiettivi di inizio stagione, ma rischia di restare fuori dalla prossima Champions League. Ed è un rischio reale, visto che Palermo e Sampdoria stanno giocando molto bene e poi il calendario dei bianconeri non è facile: gioca a Napoli giovedì e poi ha due trasferte complicate. O cambia la qualità delle prestazioni o il calendario non li aiuterà. Poi sono ancora in corsa anche Genoa, Napoli e Fiorentina perchè il campionato è ancora lungo e ci sono tanti scontri diretti”. Dopo questa dichiarazione, tutto l’ambiente juventino ovviamente sta facendo i dovuti scongiuri. Ma è la cruda realtà e il fatto che i giocatori da domani abbiano chiesto di andare in ritiro per preparare al meglio la sfida partenopea di giovedì sera, fa capire che anche loro sono coscienti del momento delicatissimo. Un altro problema per cittì azzurro è la quasi totale mancanza di italiani nella rosa dell’Inter, formazione che fino a un paio di settimen fa stava dominando il torneo: “Anche questo sarà motivo di valutazione”, ha concluso Giancarlo Abete. Dunque Marcello Lippi avrà i suoi grattacapi da qui all’inizio del Mondiale.

Andrea Bonino