Grande Fratello 10: “Veronica Ciardi troppo bella per vincere”, così Pasquale Laricchia

La decima edizione del Grande Fratello, conclusasi da poche settimane, passerà agli annali del reality come una tra quelle che ha più appassionato (e inevitabilmente) diviso gli italiani. Non ci si riferisce chiaramente soltanto al ruolo che in tutto ciò può avere avuto la figura di Mauro Marin, ma a tutto il complesso, perchè comunque la si voglia pensare e qualsiasi sia il proprio inquilino preferito, il gf 10 è riuscito, con le sue trame, le caratteristiche dei vari personaggi (nel bene e nel male), i rapporti tra i vari inquilini a catturare l’attenzione del pubblico. Prova di tutto ciò sono stati senza dubbio gli ottimi ascolti, nonostante l’interminabile maratona a cui ha dato vita quest’anno il reality.

Le luci sulla casa si sono spente da tempo, ma di Grande Fratello si continua, appunto per i motivi che si sono indicati sopra, a parlare abbondantemente.
Uno degli ultimi a intervenire in merito al risultato finale del reality, è stato un ex inquilino della terza edizione: il barese Pasquale Laricchia. Il compaesano di Massimo Scattarella, non si lascia per nulla influenzare dal campanilismo e individua invece in Mauro Marin il suo “preferito” di questa edizione del gioco. Chiaramente nel giudizio del barese non mancano riferimenti ad altri concorrenti che si sono messi in mostra. Giorgio Ronchini, ad esempio, viene indicato come “la grande sorpresa” del programma. Laricchia poi si lascia andare ad una sua opinione molto particolare: “Se Mauro fosse stato donna non avrebbe vinto” ha dichiarato infatti a Leggo. Proprio da questa considerazione bisogna partire per cercare di capire il pensiero dell’ex gieffino su una delle figure più discusse dell’ultima edizione del gf: Veronica Ciardi. Secondo Pasquale infatti la mora concorrente romana, non sarebbe arrivata in finale perchè “troppo bella” e perchè “il pubblico tende a preferire chi gli somiglia“.

Un punto di vista che certamente affonda le sue motivazioni in elementi reali. Non è un mistero infatti che la “normalità” è stata da molti indicata come uno degli elementi che hanno contraddistinto le scelte del pubblico. Specialmente per quanto riguarda il vincitore finale. Per quanto concerne poi la bellezza della Ciardi, è chiaro che ciò appartiene ai gusti di ognuno.