Le motivazioni riguardo l’omicidio Kercher

Rudy Guede

La Corte d’assise d’appello di Perugia sostiene che Rudy Guede “concorse pienamente” all’omicidio di Meredith Kercher, avvenuto la notte del primo novembre 2007. Nelle motivazioni depositate oggi si legge che Guede “concorse pienamente non solo per essere stato l’autore della violenza sessuale, ma anche per avere tenuto ferma la mano sinistra della vittima mentre alla stessa venivano inferte le ferite letali“. Inoltre dalle stesse emerge che Guede è stato l’”unico” tra gli imputati dell’omicidio ad “essersi scusato” con i familiari della studentessa inglese assassinata “anche se limitata alla omissione di soccorso”.

Guede è stato processato con il rito abbreviato.

Simona Leo