Mauro Marin, il personaggio dell’ambiguità

Con Mauro Marin, vincitore indiscusso e discusso del Grande Fratello, il reality show continua anche dopo la sua fine e anche chi non l’ha mai visto non può non sapere chi è Mauro Marin…

Mauro Marin, in fondo, è come il Grande Fratello: se non lo ami lo odi…Rimanere indifferenti è difficile. E con Mauro sta nascendo una moda, una tendenza…, quella di chi scanzona tutti e tutto, che si fa serio e deride, di chi deride e lo fa seriamente.

Perché Mauro è così, e piace per questo ed è odiato per questo…

Ma se seguiamo le sue vicende, se ascoltiamo le sue interviste, se lo inseguiamo nelle trasmissioni è perché è un personaggio ambiguo e nell’ambiguità alla fine dei conti si ritrovano tutti.

C’è chi lo definisce un “cucciolone” e chi “troppo aggressivo”, chi lo trova bello, chi passabile, c’è chi crede alle sue parole e chi lo smentisce in continuazione… C’è chi pensa che sia affetto da un disturbo bipolare e chi lo considera solo un gran giocherellone…Ma ormai è fatta, e Mauro è un personaggio, più fuori dalla Casa che dentro, forse…Il personaggio del salumiere castellano che ha sofferto per amore, ha tentato la fortuna nella Casa, ha giocato le sue carte (chi dice bene chi in modo sporco…) e ha vinto il reality show più adatto a lui…iniziando una corsa verso il successo di chi è al centro dell’attenzione…senza fare nulla.

Per quanto ancora continuerà questa corsa, nessuno può dirlo…Se sarà solo un momento o se porterà a qualcosa di più importante per Mauro stesso…, chissà! Gli si potrebbe far fare l’attore…, o continuare ad invitarlo nelle trasmissioni per avere colpi di scena (ma speriamo non più colpi di malore)…

La fragilità del personaggio Mauro Marin adesso dipende solo da lui! Soprattutto se è vero che al Grande Fratello quest’anno ha vinto la “normalità”…

Caterina Cariello