Per i vescovi bisogna votare contro l’aborto

card. Angelo Bagnasco

Il presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, aprendo i lavori del Consiglio episcopale permanente,  ha indicato i valori “non negoziabili” in base ai quali i cattolici devono votare alle prossime regionali. In particolar modo pone la sua attenzione alla difesa della vita umana, difesa in primo luogo dal delitto dell’aborto, descritto come “un’ecatombe progressiva” che si cerca di rendere “invisibile” attraverso delle pillole da assumere tranquillamente in casa.

L’arcivescovo di Genova tra i valori “non negoziabili” annovera anche: la dignità umana; la libertà religiosa e la libertà educativa e scolastica; la famiglia fondata sul matrimonio fra un uomo e una donna.

Simona Leo