Sampdoria: crediamo al quarto posto

Il gol di ieri sera racchiude tutto lo spirito di Cassano, estro fantasia ma anche tanta sregolatezza. Il talento di Bari vecchia infiamma il pubblico doriano con un gol da cineteca (complice anche Chimenti), lanciando i blucerchiati verso il quarto posto utile per la Champions League e mandando un segnale forte alla nazionale e soprattutto a Marcello Lippi, anche se le possibilità di vedere aperte le porte di Coverciano a Cassano restano veramente esigue. La Samp, quarta assieme al Palermo dopo la vittoria contro la Juventus nel posticipo, ha ”l’obbligo di crederci fino in fondo. Siamo lì e vogliamo giocarcela”,  parola dell’amministratore delegato Beppe Marotta. “Mancano nove partite, dobbiamo giocare al massimo per un obiettivo straordinario”, ha aggiunto poi il dirigente della Sampdoria, sottolineando che dipenderà anche dal rendimento delle antagoniste più blasonate.  Il grande merito per la stagione in corso della compagine blucerchiata va comunque dato a Gigi Del Neri, e Marotta lo sa: “ Del Neri è un grande tecnico ed una grande persona. Sta lavorando bene e siamo soddisfatti del suo operato. Il rinnovo? Le premesse ci sono tutte” . L’ultima battuta l’Ag, la regala su Antonio Cassano, tornato decisivo nella sfida contro la Juventus anche in chiave azzurra: “ Ha capito che deve mettere il talento al servizio della squadra e non viceversa. E non è ancora al top della forma. Ora ha nove partite per cercare di convincere Lippi a cambiare idea e portarlo al mondiale”.

Paolo Piccinini