Isola dei famosi 2010: 23 marzo, oltre le polemiche sui casi Busi e Ward

L‘Isola dei famosi, in Italia, fa molto parlare. I casi, assolutamente diversi e di genere differente, legati ad Aldo Busi e a Luca Ward hanno scatenato l’opinione pubblica.
Ma intanto i naufraghi ancora in gara proseguono la loro permanenza in Nicaragua.

Guenda è su Buttonwood Cay, sola, con la famiglia di pescatori. E’ il suo compleanno e Miss Forn, la moglie di Macoy, le porta una torta per festeggiare l’avvenimento. La ragazza è molto commossa e dipinge una conchiglia da regalarle per manifestare la sua gratitudine.
Il compito del giorno consiste nel dipingere, di rosa, il cayucco, tipica imbarcazione dell’isola. Prova superata, intera porzione di cibo guadagnata: «Qua ho riscoperto me stessa, una Guenda primordiale con un cuore da bambina».

Durante la notte Daniele e Dario partono alla caccia di paguri. Il bottino è piuttosto importante e viene messo nella pentola.
Al mattino Davide, su invito di Claudia, accompagna Denis a raccogliere la legna. Prima di partire va a mettersi le scarpe.
Poco dopo Dario dice a Claudia: «Sono scappati tutti i paguri, non ci sono più!». Sopra il coperchio della pentola erano state messe proprio le scarpe di Davide proprio perché i paguri “facevano rumore”.
L’occasione è ghiotta per incolpare il Non famoso.
In realtà le calzature erano state messe lì da Daniele, il quale commenta: «Qua c’è L’Ufficio Complicazioni Cose Semplici. I paguri sono scappati perché sono esseri viventi e qua si cerca sempre un capro espiatorio».

A Playa Princesa è il momento della prova ricompensa per i naufraghi. Ad attenderli Rossano Rubicondi che fornisce le indicazioni: «In palio ci sono gli ingredienti per fare una buonissima pasta alla carbonara: uova, olio, pepe, pancetta e parmigiano. Adesso vi spiego in cosa consiste la prova. Su quella zattera vedete delle casse. Sono 5, ognuna delle quali contiene un ingrediente. Dovete formare delle coppie e raggiungere la zattera in mezzo al mare. Al mio via, una coppia alla volta, dovrete tuffarvi, liberare una delle casse ancorate in fondo al mare e portarla sulla zattera. A quel punto potrà partire un’altra coppia che avrà la possibilità di recuperare un’altra cassa. Avete 5 minuti per conquistare più casse possibili. Allo scadere del tempo, le casse non recuperate saranno perse. A quel punto, avrete l’opportunità di vincere l’elemento più importante per realizzare il vostro piatto gustoso, cioè la pasta. Qui c’è una clessidra che contiene della pasta. Al mio via, toglierò il fermo dalla clessidra e voi, girando il manubrio, dovrete riportare la zattera a riva. Più tempo impiegherete e meno pasta vincerete».
Ce l’avranno fatta?

Valeria Panzeri