Australia: “filtri” web

Il Governo australiano è stato molto criticato ultimamente da yahoo e da google per l’intenzione di voler varare una legge a favore dell’introduzione di “filtri” finalizzati al controllo dei contenuti web.
La proposta sarebbe del Ministro delle Comunicazioni il quale si dichiara convinto sulla necessità di porre alcune censure alla rete internet.
Ovviamente il dibattito in corso ruota tutto intorno al materiale “pornografico” web e ai siti contenenti istruzioni sull’uso delle droghe.
Tali siti tendono ad essere considerati  “socialmente pericolosi” da una cospicua parte del Governo australiano.

Fiorenza Ciribilli