Serie A, la Roma continua la corsa scudetto: 2-0 al Bologna, giallorossi secondi con il Milan. E sabato c’è l’Inter

Il sogno scudetto della Roma continua. I giallorossi battono per 2-0 al Dall’Ara il Bologna ed agganciano il Milan, sconfitto dal Parma, al secondo posto a quattro punti dall’Inter capolista. E sabato è in programma un Roma-Inter che già da ora mette i brividi.

Una gara assolutamente da vincere per i giallorossi di Ranieri, che si sono trovati ad affrontare un Bologna in una tranquill posizione di classifica ed in un buona forma.

Nella Roma, fiducia al tridente d’attacco Toni, Menez e Vucinc che sabato ha sconfitto l’Udinese. Colomba sceglie invece Gimenez in appoggio all’unica punta Zalayeta.

Pronti via ed è la Roma a creare dopo appena ventisei secondi la prima clamorosa palla gol, De Rossi traccia un passaggio filtrante in area per Menez che solo davanti a Viviano calcia sul portiere rossoblù in uscita. Inizio tutto di marca romanista, con il Bologna che resta quasi a guardare. Al 10’ Toni va vicinissimo al gol, ma non si accorge di essere solo in area e colpisce debolmente di testa un pallone facilmente bloccato da Viviano. Passano dieci minuti ed è ancora Roma, ancora con Menez, che calcia di destro un pallone angolatissimo che Viviano respinge.

Al minuto trenta il Bologna si vede per la prima volta dalle parti di Julio Sergio, con la conclusione di Gimenez respinta in area dal portiere giallorosso. Precedentemente all’azione rossoblù, proteste romaniste per un intervento scomposto in area di rigore bolognese di Raggi su Toni. Il primo tempo si chiude con la Roma che rallenta il ritmo di gioco ed il Bologna che prova ad impensierire, senza riuscirci particolarmente, la squadra capitolina.

La ripresa, inizia sulla falsa riga dei primi minuti di gara, ed infatti dopo appena centoventi secondi la Roma trova la rete del vantaggio: De Rossi scocca da fuori area un tiro di collo destro che Viviano avrebbe bloccato facilmente se nel mezzo non ci fosse stata la deviazione di John Arne Riise, che spiazza il numero uno felsineo e regala l’1-0 agli ospiti. La Roma adesso si è sbloccata e subito dopo ci prova Menez, ma la sua conclusione dopo un buon dribbling termina alta.

Al quarto d’ora Colomba prova a svegliare il suo Bologna, sostituendo la coppia d’attacco Gimenez-Zalayeta con quella Di VaioAdailton, prediligendo maggiormente la rapidità negli spazi stretti. Ranieri risponde con gli ingressi di Cerci e Julio Baptista, al posto di Menez e di un affaticato Vucinic. E proprio i due neo entrati, al minuto 38’, regalano alla Roma la rete del raddoppio che chiude i giochi: Cerci gestisce un buon pallone sulla trequarti emiliana e serve con un gran passaggio filtrante in area l’accorrente Baptista, che non ci pensa un attimo e brucia Viviano per il gol che vale gioco, partita ed incontro.

Gli ultimi istanti di gioco sono solamente caratterizzati dalla gestione di palla della Roma, che riesce a vincere a Bologna dopo sette anni e che ora non avrà pensieri diversi da Roma-Inter. Per il Bologna invece, è una sconfitta che non pregiudica la sua posizione tranquilla, la quota salvezza è lì ad un passo.

Il tabellino della gara:

BOLOGNA (4-4-1-1): Viviano; Raggi, Portanova, Moras, Lanna; Buscè, Mudingayi, Mingazzini, Modesto (74′ Cesarini); Gimenez (60′ Gimenez); Zalayeta (60′ Di Vaio). A disp.: Colombo, Zenoni, Guana, Succi. All.: F. Colomba.
ROMA (4-3-1-2): Julio Sergio; Cassetti, Burdisso, Mexes, Riise; Perrotta, De Rossi, Pizarro; Menez (70′ Menez); Vucinic (64′ Baptista), Toni. A disp.: Doni, Andreolli, Motta, Brighi, Taddei. All.: C. Ranieri.
ARBITRO: Antonio Damato di Barletta. Assistenti: Andrea Padovan e Mauro Tonolini. Quarto Uomo: Antonio Giannoccaro di Lecce.
MARCATORI: 47′ Riise, 81′ Baptista.
NOTE: Corner: 4-4. Fuorigioco: 4-0. Ammoniti: Mudingayi, Lanna. Recupero: Primo Tempo: /

Francesco Mancuso