Secondo figlio in arrivo per Monica Bellucci

Più affascinante di prima, se possibile , col pancione la bellissima Monica Bellucci.

Uno splendore tipico delle donne che stanno per diventare madri. La Bellucci, come in passato l’altrettanto accattivante Demi Moore, posa per la copertina di Vanity Fair, coperta solo da un kimono, lasciato aperto sulla pancia, e da un reggiseno.

A 45 anni l’attrice aspetta il suo secondo figlio dall’attore francese Vincent Cassel che afferma che sia stata una gravidanza bella e semplice  ma che assolutamente lui non può essere un esempio da seguire”.

La prima gravidanza era arrivata all’età di 39 anni, la seconda a 44. Un bel pò temeraria lei, che però, nell’intervista al giornale,si  definisce  semplicemente  fortunata: “E’ vero che fare i figli tardi richiede coraggio, perché si corrono rischi, per i bambini e per se stesse. Ma io non mi sento coraggiosa, solo molto fortunata. Non sono assolutamente un esempio da seguire”. C’è chi si rivolge alle cliniche della fertilità, chi alle madri surrogate… “Io non ne ho avuto bisogno: chissà, forse c’entra il fatto che la mia nonna paterna ebbe un figlio a 47 anni. Ma, ripeto, è fortuna. Conosco donne disposte ad attraversare il deserto in ginocchio pur di avere un figlio. Fosse capitato a me di avere difficoltà a restare incinta questa seconda volta, sarei diventata una di loro”.

Nonostante tutto l’icona  italiana in Francia Bellucci tiene a sottolineare come la tendenza ad avere figli tardi è collegata all’allungamento della vita media: “Tutto è spostato in avanti. Le donne cercano la sicurezza economica, una casa, un compagno, e poi pensano ai figli. La nostra vita media ormai è di 85 anni! Ci pensi: se io e lei fossimo nate agli inizi del Novecento, a 40 saremmo già morte. Oppure vive, ma devastate e senza denti. Quando mia figlia avrà vent’anni, io ne avrò sessanta. E allora? Già oggi le sessantenni sono stupende!”

E non c’è dubbio che la Bellucci sarà meravigliosa anche all’età di 60 anni come la nostra Sofia Loren. Rispetto al  luogo dove partorirà non si pronuncia, ma dichiara solamente che il suo ginecologo è italiano così da poter urlare e gridare in italiano durante il parto.

Francesca Ceccarelli