Simona Ventura si rinnova: “Stanca della tv, è ora di cambiare”

In mano possiede uno dei curriculum più nutriti ed invidiati della televisione italiana, si il piccolo schermo che la conduttrice torinese Simona Ventura ha conquistato stagione dopo stagione, inserendosi di diritto nella griglia delle presentatrici più in auge e rispettate dell’ intero panorama televisivo del Bel Paese.

Ormai lontani due decenni sono i primi passi, timidi ed incerti degli esordi, il suo piglio da impareggiabile trasportatrice delle masse e un’ indole naturale e godibile a 360°, l’ hanno trainata alla guida dei più onerosi format dei palinsesti Rai.

Annoveriamo la conduzione di un Festival di Sanremo, oltre che essere ad oggi la storica padrona di casa del reality show di Rai Due “L’ Isola dei Famosi”, giunto alla sua settima edizione ed il contenitore sportivo pomeridiano “Quelli che il Calcio“.

Ma a tutto questo clamore e successo incontrastato, sembra che Simona voglia, prima o poi porre la parola fine, ancora qualche stagione televisiva da protagonista poi via, esplorando altre strade, imbarcarsi in avventure diverse e creative:

“Se mi chiamasse Sky? No grazie. Io sono Rai. Mi vedo in tv ancora per pochi anni. Ho voglia di fare cose nuove, anche rimanendo nel mondo dello spettacolo. Per esempio mi interessa la multimedialità. Per questo ho voluto lanciare una web tv” – chiosa con un sorriso, intervistata dalla rivista “Tu Style”, in edicola domani. L’ eclettica presentatrice Rai che chiude le prestigiose porte al colosso Sky ed a maggior ragione a Mediaset, ha già avuto modo di testare le sue velleità multimediali, ospitando lo scrittore Aldo Busi, reduce dall’ abbandono dall’ isola, proprio sulla sua web tv, un mezzo di potenzialità inesplorate e sorprendenti.

La Ventura tocca anche temi personali, la storia d’ amore naufragata con l’ ex calciatore Stefano Bettarini e la luce dei suoi occhi, i due figli Nicolò e Giacolo e la bambina adottiva Caterina, presa in custodia da parenti che navigavano in difficoltà economiche ed erano impossibilitati a tenerla con loro:

“Caterina mi somiglia tantissimo, è una bambina molto intelligente e ha bisogno d’affetto. I figli sono di chi li cresce” – afferma Simona, palesando un affetto smisurato e senza alcun ritorno d’ interesse.

Gionata Cerchiara