Amici 9: resoconto puntata (25-03-2010 prima parte). Loredana riabbraccia i genitori


Dopo una lunga giornata di prove, una Loredana di lilla vestita rientra in casetta. L’attende una gradita sorpresa: la voce di Maria De Filippi la saluta e inizia a  raccontarle la favola di “Pollicino”.

Non è una fiaba a caso. Pollicino ha molto in comune con la cantante di Agrigento. Come il piccolo protagonista della celebre favola di Charles Perrault, ha smarrito la strada di casa…o meglio, se ne è allontanata per realizzare il suo sogno di diventare un’artista nel campo musicale. Maria avverte la ragazza che sarà la protagonista di una caccia al tesoro e con tanto di cesto di vimini, la indirizza verso il primo regalino.

La Ragazza Occhi Cielo trova sotto il cuscino il dentino perso quando aveva soli due anni…ed è già commozione. Ma la caccia non è finita, un cappello realizzato per suo padre per la Giornata Nazionale della Natura la attende dentro il frigorifero, mentre una affettuosa letterina di Natale viene ritrovata dentro il video box. Loredana racconta che era sua abitudine scrivere lettera alla madre. Combinava spesso e volentieri piccoli guai e questo era il suo modo per farsi perdonare. La letterina in questione non appartiene però a questo genere. È la più classica, e ognuno di noi ne ha scritto almeno una nella vita.

Questa è una letterina d’occasione…è per il Natale”, dice Lory stupendosi che siano passati 16 anni da quando l’ha scrittaCari genitori siete affettuosi, cari genitori siete gran lavoratori. Certe volte faccio la stupidina certe volte accendo la musica. Cara mamma per te sono una fiamma, caro papà per te sono una star. Buon natale”

La caccia al tesoro non è certo terminata e la cantante dell’ex squadra Blu viene guidata dalla voce della De Filippi in palestra dove trova un manufatto da lei decorato durante l’adolescenza. È un ovale nero con raffigurata una ballerina tra le stelle (“non so quanti anni fa mio padre doveva fare un ovale e l’ha tinto di nero. Siccome io non avevo da fare scesi a parlare con lui e feci una ballerina con una stella”). Maria ammira, Loredana regala, visto che giustamente nota “Chi apprezza merita”.

L’ultimo dono la fa tornare in casetta. È un cuoricino di carta che ha realizzato, in occasione della Festa della Mamma. Ucci, ucci, ucci…sento odor di parentucci. Qualcosa ci dice che il sorpresone deve essere ancora stanato e infatti la voce di Maria dopo averla portata alle lacrime la invita ad aprire la porta di casa: ecco che Loredana incontra, emozionatissima, i suoi genitori.
Il signor e la signora Errore sono ancora più emozionati di lei e dopo tanti mesi di lontananza l’abbracciano tra le lacrime.