Le società partecipate oggetto di un convegno all’università Roma 3

Il complesso dei controlli dell’Amministrazione comunale di Viterbo sul sistema delle società partecipate, in generale, e il controllo di gestione dentro la Francigena, in particolare, sono stati oggetto di presentazione nazionale in occasione della prestigiosa conferenza sull’azienda pubblica che si è tenuta oggi presso l’Università di Roma 3.

Al  “Quarto Workshop Nazionale sull’Azienda Pubblica” sul “Sistema delle Amministrazioni Pubbliche come modello di crescita economica”, sono state esposte le caratteristiche più avanzate adottate dal Comune di Viterbo in materia di controllo analogo sulle società partecipate, con particolare evidenziazione del sistema di controllo di gestione operativo nella Società pubblica Francigena.

L’esperienza dell’Amministrazione comunale viterbese viene così riconosciuta come caso all’avanguardia nel panorama nazionale: è un percorso che porta a un primo prestigioso riconoscimento per il lavoro iniziato con l’approvazione del nuovo regolamento sul governo del gruppo pubblico locale del luglio 2008, su proposta del Ragioniere Capo e responsabile dell’ufficio partecipate  Stefano Quintarelli.

“Mi pare si possa essere molto soddisfatti – ha detto il Sindaco Giulio Marini – per questa occasione di risonanza nazionale, nella quale si è guardato al difficile percorso in atto nelle società partecipate dal Comune come esempio da cui apprendere alcune novità da parte di altri Comuni italiani”.

Dal regolamento sul governo del gruppo pubblico locale del luglio 2008, la Società Francigena ha sviluppato sempre più un modello di controllo gestionale rigoroso, soprattutto fondato su una contabilità dei costi particolarmente analitica, che consente un costante flusso informativo verso l’Amministrazione comunale.

 “Credo che il lavoro amministrativo e gestionale del personale della Francigena”, ha detto il Presidente della partecipata Pierre Di Toro, “ abbia trovato un momento di particolare riscontro, dato che  è stato  esposto in presenza di noti manager pubblici, docenti universitari e rappresentanti istituzionali di tutta Italia e non solo.

Occorre ricordare pure il contributo prezioso di laureati della Facoltà di Economia dell’Università della Tuscia, per aver sviluppato parte delle elaborazioni utili, soprattutto sui costi analitici del trasporto pubblico locale, argomento che rappresenta il nucleo di quanto è stato ascoltato da tanti prestigiosi interlocutori”.

Il caso Francigena è stato  illustrato dalla Prof.ssa Alessandra Stefanoni, docente di Economia delle aziende pubbliche dell’Ateneo viterbese, fra l’altro alla presenza di esperti dell’amministrazione milanese, romana e di tante altre grandi città italiane, nonché di docenti delle università laziali, toscane e di tutto il nord Italia.

Erano anche presenti, per l’occasione, esperti di pubblica amministrazione inglesi e francesi, da Liverpool e da Marsiglia.

Wanda Cherubini