Pagelle Bologna-Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:40

Bologna

Viviano 6: salva su Menez in avvio dopo pochi secondi, viene spiazzato dalla deviazione di Riise sul gol del vantaggio giallorosso e non può niente sul raddoppio di Baptista. Per il resto, tiene a galla i suoi.

Raggi 5.5: dalla sua parte c’è un Vucinic non in giornata di grazia, anche se questa non è dovuta alla prestazione del difensore. Che anzi, nella seconda parte della gara va in difficoltà e con il passare dei minuti diventa sempre più falloso. Chiude rimediano un giallo per un fallo netto su Baptista.

Portanova 5.5: deve fare a sportellate con un cliente mica facile come Toni ed infatti, da una di questa, nasce l’episodio del rigore reclamato dalla Roma nel primo tempo. Cerca di arrangiarsi come può, anche se la giornata è di quelle complicate.

Moras 6: come Portanova, se non fosse che gioca gli ultimi dieci minuti praticamente infortunato pur di non far rimanere i suoi in dieci.

Lanna 5.5: poca spinta sulla fascia, si preoccupa molto e giustamente di rimanere a guardia della porta. Nella ripresa tenta qualche affondo in più. Viene ammonito per proteste.

Buscè 6: uno dei più attivi, soprattutto nel primo tempo. Dopo la prima fase di buio del Bologna è lui, con un paio di cross insidiosi dalla destra, a dare la carica per cercare di dare un verso alla partita. Cala alla distanza

Mingazzini 6: in mezzo al campo a cercare di dare polmoni e qualche geometria. Ci prova e non tira mai indietro la gamba, anche se si sono visti risultati migliori.

Mudingayi 6: anche lui non molla mai e fino al 90’ aggredisce e pressa il centrocampo della Roma, a volte anche con eccessiva irruenza. Uno dei migliori dei rossoblù

Modesto 5: poco propositivo sulla corsia di sinistra, si vede solo nella ripresa per quello sciagurato liscio in piena area romanista per l’unica vera occasione gol bolognese (Dal 30’ st Casarini s.v.)

Gimenez 5.5: suo l’unico tiro in porta del Bologna nel primo tempo. Il resto però è poco o nulla (Dal 15’ st Adailton  5.5: prova a dare velocità alla manovra, ma non ci riesce un granché).

Zalayeta 5: annullato dalla difesa romanista, non si vede quasi mai. Stavolta il Panteron è rimasto negli spogliatoi (Dal 15’ st Di Vaio 5.5: poche occasioni anche per lui)

Colomba (allenatore) 6: la sua squadra è in un buon periodo, anche se dalla gara di oggi non si direbbe. Nella ripresa, prova a dare la scossa con il doppio cambio in attacco ma ormai era già tutto compromesso.

Roma

Julio Sergio 6: di stima, perché è praticamente inoperoso per tutta la partita.

Cassetti 6: difende diligentemente e prova ogni tanto qualche sortita offensiva ed un paio di crossi in area. Una gara onesta

Mexes 6: rientra dopo la prestazione non entusiasmante di Livorno, fornisce una prestazione senza particolari acuti ed i 90’ scivolano via senza preoccupazioni particolari.

Burdisso 6: sicuro ed affidabile per quel poco che c’è da fare, anche lui infatti è poco impegnato dall’attacco bolognese.

Riise 6: prestazione in linea con le ultime per il norvegese dai capelli rossi, tanta sostanza e copertura, anche se stavolta in più c’è quella deviazione fondamentale per il gol che da il la alla vittoria romanista.

Taddei 6: al rientro dopo la squalifica, fornisce il solito contributo di corsa e polmoni, anche se termina la gara un po’ in affanno.

Pizarro 6.5: il Pek torna a gestire il centrocampo e la presenza del metronomo di vede subito. Il gioco passa tutto da lui e come al solito il cileno è bravo nel gestire i tempi della squadra.

De Rossi 6.5: il biondo centrocampista sbaglia qualche pallone di troppo, però è uno dei quelli che non molla mai e lotta su tutti i palloni. Nasce da lui il gol del vantaggio che spalanca le porte dei tre punti alla Roma.

Menez 6.5: conferma il buon periodo, fa ammattire con la sua velocità la difesa bolognese, è una continua spina nel fianco. La parola d’ordine ora è continuità, continuità, continuità (Dal 25’ st Cerci 6.5: Ranieri lo schiera centralmente, lui entra subito in partita fornendo l’assist per il 2-0 di Baptista. Anche lui importante per questa vittoria).

Vucinic 5: oggi non c’era. Il montenegrino vive una giornata con la luna storta e non ne azzecca praticamente una. I tifosi giallorossi si augurano che il numero nove si possa subito rifare sabato contro l’Inter (Dal 25’ st Baptista 6.5: il voto è per un gol importante, che può aprire scenari ancora più importanti ed impensabili fino a qualche mese fa. E poi perché è un’iniezione di fiducia per un giocatore che ha vissuto una stagione difficile, anche lui può sorridere).

Toni 6.5: Lotta, sgomita con i difensori avversari, conquista punizioni importanti che fanno salire la squadra. Stavolta ha poche occasioni da gol, l’unica nel primo tempo non la sfrutta a dovere. Però la sua presenza in questa Roma sta diventando veramente fondamentale.

Ranieri (allenatore) 7: la sua Roma non perde da un girone intero, l’aveva raccolta a zero punti in classifica mentre ora la sta portando a giocarsi uno scudetto. Sta recuperando un giocatore importante come Menez ed ha trovato la formula giusta per far rendere al meglio i suoi giocatori. Alla fine del “curvone” manca poco…

F.M.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!