Un vizio di forma blocca la riforma sanitaria di Obama: occorre una nuova votazione alla Camera

Una piccola ma brutta notizia per Barack Obama è arrivata questa mattina dagli Stati Uniti d’America. Un inatteso stop per la riforma sanitaria e per il suo significato intrinseco. Le parole espresse dal presidente sono state congelate dalla scoperta di un cavillo giuridico. I repubblicani hanno denunciato una violazione nella procedura di voto e approvazione della legge sulla sanità chiedendo una nuova votazione.

La notizia è stata confermata direttamente da una delle voci più vicine a Obama, il suo portavoce Harry Reid.La “violazione” procedurale rende necessario il ritorno alla Camera dei Rappresentanti per la ripetizione dell’evento. “Dopo ore di tentativi per trovare un modo di evitarlo, i Repubblicani hanno scovato due clausole relativamente secondarie che sono violazioni della procedura del Senato, il che significa che dobbiamo rimandare il provvedimento alla Camera” ha detto lo stesso Reid.

Stando alle prime indiscrezioni due degli emendamenti approvati dalla Camera dovranno essere eliminati dal testo del Senato per irregolarità procedurali. Una modifica che pare inevitabile e che modificherà la forma del decreto da approvare, ma non la sostanza della stessa. Una volta sistemati questi piccoli cavilli, il testo del provvedimento dovrà nuovamente essere approvato dai Rappresentanti, con i rischi connessi al suo esito. Un intralcio fastidioso ma che non pare mettere in pericolo l’esito stesso della Riforma e della sua svolta epocale per la nazione americana. Un espediente che fa guadagnare tempo all’opposizione per studiare una strategia contro la riforma e la sua ratificazione.

Non sono ancora pervenuti commenti o note personali del presidente Barack Obama a riguardo. Si attende a breve una sua considerazione sulla vicenda che sminuisce in parte l’enfasi per la vittoria e il traguardo raggiunti. Certamente non siamo davanti ad una bella figura per il sistema amministrativo americano, ritenuto uno dei più efficienti ed efficaci dell’intero panorama mondiale.

Alessandro Frau