Bini Smaghi: Ue ha gli strumenti per superare la crisi

E’ intervenuto oggi a Sky Tg 24 Lorenzo Bini Smaghi, membro italiano dell’esecutivo della Banca Centrale Europea. E le sue parole sono improntate ad un cauto ottimismo, sempre tuttavia accompagnato ad un richiamo alle responsabilità. Conferma innanzitutto della solidità del progetto dell’ Euro, che ha retto dal punto di vista economico. Ma soprattutto, ha sottolineato Bini Smaghi, ha dimostrato di esistere anche dal punto di vista politico, con 16 capi di stato riuniti nell’ottica di un bene comune. E sul futuro, oltre allo smentire voci che parlavano addirittura di una crisi dell’ idea stessa della moneta unica, rilancia l’ ipotesi di strumenti di controllo e di vigilanza grazie ai quali l’ Europa possa monitorare la situazione e assorbire, quando non impedire a monte, delle situazioni analoghe. Infine, sulla Banca Centrale Europea, chiusura con la considerazione che un (peraltro ancora ipotetico) coinvolgimento del Fondo Monetario Internazionale non ne ridurrà l’autonomia.

Parole anche per lo specifico della situazone italiana. Buona la tenuta, sottolinea Bini Smaghi, in particolare grazie al controllo dei conti pubblici che ha evitato guai peggiori. Il rischio, ora, sarebbe quello di “tornare alla situazione pre – crisi”, con una crescita decisamente lenta: per questo serviranno riforme per incrementare la concorrenza. Terreno sempre duro ma “forse la crisi darà il consenso necessario” chiude l’economista.

Alberto Martinelli