Film in televisione: “Mar Nero”, storia di due donne

Opera prima del regista Federico Bondi, il film drammatico “Mar Nero” verrà trasmesso questa sera, alle ore 23:00, dal canale satellitare SkyCinema Max. La pellicola è interpretata da Ilaria Occhini e da Dorotheea Petre.

Angela (Dorotheea Petre) è una giovane rumena da poco giunta in Italia. Arrivata a Firenze, trova lavoro come badante da Gemma (Ilaria Occhini), una donna molto sola, rimasta vedova da poco e con un figlio che vive a Trieste. Dopo un inizio burrascoso, le due donne instaurano un buon rapporto ed Angela confessa che con i primi soldi guadagnati vorrebbe tentare di avere un figlio con suo marito Adrien. Ma Adrien sembra sparito da qualche giorno e Angela, decide di tornare in Romania per scoprire cosa è successo. Durante il viaggio sarà accompagnata da Gemma…

La scenografia di Ugo Chiti è nata e si è sviluppata dalla costante osservazione di un rapporto reale tra un’anziana donna e la sua badante: “Gemma è mia nonna e Angela è stata la sua badante”, dichiara Federico Bondi. Tutta rivolta ad una certa sobrietà stilistica, la pellicola sembra interessarsi ad una tematica d’occasione che celebra immigrazione, permessi di soggiorno, razzismo e circospezione nei confronti dell’altro. In realtà quello che interessa il regista è tutt’altro: l’evoluzione della dinamica del rapporto tra due donne di cui una, Angela, rappresenta il ricordo della giovane Gemma. Altro tema caldo il superamento dei pregiudizi: d’altra parte, l’odierna Romania, vista con gli occhi del regista Bondi, ricorda, molto da vicino, la timida Italia del secondo dopoguerra.

Tenero ma mai retorico, il film rappresenta precisamente un iniziale pudore di sentimenti che si snoda, poco a poco, in un rapporto stretto, fatto di affetto e comprensione ma mai melenso. Bella la costruzione delle psicologie: volitiva la briosità di Gemma, timida l’inesperienza di Angela, finiscono per instaurare un connubio di anime che si risolve in un legame tra madre e figlia.

Valentina Carapella