Gb, primo cimitero ecologico: bare biodegradabili e carro funebre elettrico

L'insegna all'ingresso del cimitero "verde" di Blackley, in Inghilterra

Può sembrare incredibile, ma ogni funerale rappresenta una vera e propria minaccia per l’ambiente. Essa concerne l’utilizzo di specifiche sostanze o materiali per la conservazione del corpo e per la sepoltura. Il riferimento è a quattro elementi tipici della tradizione funeraria. L’imbalsamazione è usata per preservare il cadavere dalla decomposizione, ma il composto di fluidi chimici con i quali è realizzato è estremamente dannoso per la Terra. Le bare sono spesso costruite con legni pregiati e vernici tossiche e i cimiteri necessitano di costose manutenzioni e dell’utilizzo di un grande quantitativo di pesticidi per conservare freschi e intatti gli addobbi floreali. Infine, i carri che accompagnano i cortei funebri, a causa della ridotta velocità di marcia, consumano molto carburante inquinante.

Perciò, ecco la soluzione all’immenso spreco di risorse. La nuova frontiera dell’ecologismo passa dal… cimitero. In poche parole, la fine di una vita rappresenterà una nuova linfa per l’ambiente.

Il primo cimitero ecosostenibile ha aperto i battenti a Blackley, un piccolo comune vicino Manchester, città dell’Inghilterra centrale. In quest’area, infatti, i corpi dei cari estinti saranno collocati all’interno di bare biodegradabili, cioè prive di alcuna sostanza cancerogena per l’ambiente, e le lapidi di marmo saranno sostituite da una pietra grezza o da un albero, su cui sarà incisa una cifra, in modo che i resti terreni dei nostri amati siano univocamente rintracciabili. Inoltre, il carro funebre sarà elettrico e non ci sarà bisogno di giardinieri, perché la natura, facendo il suo corso, penserà a tutto.

“The Woodlands”, letteralmente “terra degli alberi”, è il nome scelto per il primo cimitero ecocompatibile. “Puntiamo sulla natura e su una manutenzione il più possibile ridotta. – ha spiegato Barrie Jones, ideatore e responsabile del progetto – Le persone possono lasciare fiori solo per la prima settimana, poi preferiamo lasciar crescere quelli spontanei e l’erba”.

Sebbene siano sconosciute ai più, le eco bare sono legali in Italia già dal 2007 e sono prodotte dalla Novamont, una fabbrica novarese specializzata nella realizzazione di ornamenti sacri in plastica di mais, materiale completamente ecologico e amico dell’ambiente.

Sarà ora possibile dire addio a funerali costosi e spesso inutilmente pomposi e appariscenti. La Natura ci ha dato la vita, sarà quindi giusto che il corpo, dopo essere stato sepolto,  torni nuovamente a Lei, affinché il ciclo continui.

Emanuele Ballacci