Il “curry” fa bene al fegato

Secondo un recente studio condotto da ricercatori dell’Università di Graz, Austria,  pubblicato sulla rivista scientifica “Gut”, l’abitudine all’utilizzo del curry nell’arte culinaria gioverebbe al  fegato.
Infatti l’alimentazione a base di “curcumina”, ingrediente principale del curry, riuscirebbe a ridurre le infiammazioni epatiche.
La ricerca è stata fatta su un campione di topi da laboratorio affetti da “colangiopatia” ed ha avuto ottimi risultati riducendo notervolmente lo stato infiammatorio in atto.
Questo risultato potrebbe portare a nuove strategie terapeutiche per contrastare disturbi e patologie gravi del fegato.

Fiorenza Ciribilli