Il ritorno di Aldo Busi, tra leggende e scommesse. Su Rolling Stone

“Tempo due settimane e Aldo Busi sarà di nuovo in Rai”… “Ma no, vedrai che lo prendono a Mediaset”… “Tanto torna comunque”…
Vediamo di fare un po’ di chiarezza. Con qualche novità.
Nonostante i tentativi di Simona Ventura, che si è caldamente appellata nel corso dei suoi programmi e nelle interviste perchè venga revocato l’ordine di esilio ad Aldo Busi dopo lo scandalo della settimana passata, non vi è per ora la minima certezza che Aldo Busi venga riammesso in Rai nè tantomeno sull’Isola dei Famosi, neanche in veste di ospite o opinionista.
Nel frattempo, lo scrittore è stato accolto a braccia aperte da Carlo Antonelli nella redazione italiana del mensile Rolling Stone, per cui curerà una rubrica di lettere d’amore – e l’idea ci appare assai geniale e allettante. La collaborazione inizierà nel mese di aprile e sul numero di maggio appariranno i primi frutti della nuova occupazione dello scrittore più criticato del momento.
Il direttore della “Bibbia del Rock”  si è definito entusiasta “dei giudizi espressi da Busi sul degrado antropologico, morale e culturale della media degli italiani e delle italiane”. Forse si potrebbe evidenziare per l’ennesima volta che il problema sta tutto nel metodo, non tanto perchè scorretto (le volgarità, tanto vale ammetterlo, sono troppo all’ordine del giorno perchè ci si possa permettere di scandalizzarsi) quanto perchè sostanzialmente inefficace. Lo spazio dato a Busi su Rolling Stones, che venga bene utilizzato o meno, ha adesso in più  la fatica in sè di doversi impegnare a leggerlo, piuttosto che fissarlo in uno schermo rettangolare a intervalli di carattere pubblicitario. Senza contare che se la fama di Busi come scrittore è già stata soppiantata da quella di crea-polemiche, adesso la figura dell’intellettuale rischia di sprofondare ancora di più nel baratro della derisione se alla fine sarà ricordato solo per aver curato la posta del cuore di una rivista patinata, seppur della levatura di Rolling Stone.

Rossella Mazzanti