Valerio Scanu si cimenta come scrittore; la sua sarà un’ autobiografia

Il vincitore della sessantesima edizione del Festival di Sanremo, con il brano “Per tutte e volte che“, scritto e musicato dal finalista del talent show “Amici”, Pierdavide Carone, si divide ormai con cadenza quotidiana tra decine di impegni che lo vedono protagonista e che hanno fatto registrare un’ impennata della notorietà, tutto a favore naturalmente delle vendite ai botteghini musicali.

Il cantante sardo Valerio Scanu, intervistato da Rai Music non sembra preoccuparsi dello scivolone che il suo album ha palesato nella classifica dei lavoro discografici più venduti nel nostro paese e nonostante le sei posizioni perse, ora chiude la top ten, Valerio è consapevole che la concorrenza di artisti pronti a scalare le charts è agguerrita e tanti sono i giovani talenti canori in erba che, come lui l’ anno scorso, partecipano ai talent show dedicati.

In previsione di iniziare il tour che lo porterà a toccare tante location italiane, a partire dal 25 aprile prossimo, per la “data zero” è prevista la sua esibizione in quel di Falconara Marittima, il secondo classificato ad “Amici” svela che in mente ha la stesura di un libro autobiografico, un elaborato preciso ed approfondito sulla sua vita prima del successo e della notorietà e su tutti i duri mesi dopo essersi fatto conoscere al grande pubblico, come affermato cantante.

Emozioni, pensieri, avventure e disavventure che avranno il compito di farci conoscere meglio uno dei giovani cantanti del futuro della musica italiana, che si è dimostrato sempre schivo alle facili luci della ribalta e protettivo nei confronti della vita privata.

Ma gli impegni non finiscono qui e definito dallo stesso Scanu “uno spauracchio“, temibile e sempre più vicino è l’ esame di maturità scentifica che Valerio sosterrà a giugno e che lo sta costringendo ad ottimizzare il tempo a sua disposizione, suddiviso tra un’ esibizione canora ed un tour de force sui libri.

Gionata Cerchiara