I finalisti di Amici 9. Pierdavide: la prima fase e la vittoria a Sanremo


Dopo Loredana, entra in studio Pier Davide e si accomoda accanto a Luca Zanforlin che lo interroga subito sul suo stato d’animo. “È strano, è bello. È difficile, mette un po’ paura viste le persone con le quali mi devo confrontare, ma è stimolante”.

Anche con lui ripercorriamo per tappe i punti salienti della sua esperienza. Il primo provino fatto a maggio. Il cantautore che racconta di scrivere dall’età di sette anni. L’inedito con il quale si è presentato ‘Canzone Pop’ e la sua gambetta incontrollabile. Da subito il ragazzo conquista per la sua stravaganza: “C’è originalità in quello che fa” dice Vessicchio e subito ne abbiamo la riprova con La Ballata dell’Ospedale.

Maria legge la scheda del ragazzo: “Dice di non sopportare: chi non rischia, chi crede nella lealtà politica, chi tradisce, chi scrive solo canzoni d’amore, chi invece non ne scrive mai – e commenta – carino”.
Pier conquista tutti e presenta moltissimi inediti. ‘Trullallero rullalà’piace alla critica ( “ha novità, è  incredibile nel suo stile”). Ma c’è anche una sfida nel suo percorso. Lui la supera, giudicato da Marco Mangiarotti, cantando Jenny.

“Sembra lontano. Magari riuscirò a farci una canzone su Amici. Ancora non ci ho scritto niente. Manca solo quando Maria mi ha detto che avrei scritto al posto tuo”. E si, il 21enne durante la prima fase del programma ha pure rubato il ruolo di scrittore a Zanforlin. Ma l’inizio del serale non è stato meno ricco di successi.
La colonna sonora della seconda fase è indubbiamente Di notte. Nel successivo rvm Pier racconta i suoi esordi: “Ho iniziato a fare il musicista perché mi sono sentito sempre un po’ solo. E quindi mi sono rifugiato in questa cosa. Prima ascoltando certe cose e poi mettendole in pratica. Ho scritto la prima canzone a 11 anni e ai tempi quel bambino non pensava a un sacco di cose. Non pensava di duettare con Venditti, non  pensava di stare qua, non pensava che la musica sarebbe stata così importante”.

Le immagini accennano alla sua storia d’amore con Grazia e all’incontro con Valerio Scanu che ha scelto un suo brano per il Festival di Sanremo. Vediamo il loro incontro e Vessicchio dice al ragazzo: “A Valerio piace molto il pezzo”. Piace a tanti Per tutte le volte che, tanto che porta Scanu alla vittoria e anche nella casetta dei Bianchi la notizia è accolta con euforia.