Lewis Hamilton, multato sulle strade di Melbourne, chiede scusa

 Il pilota inglese Lewis Hamilton, non è spericolato solo sui circuiti di Formula 1, dove è anche giusto che lo sia per contratto e per spettacolo; ma ben diverso è il discorso quando mette a rischio l’incolumità degli altri in una strada di città dove sono in vigore regole ben diverse da quelle dello sport a cui lui è legato.

L’altra notte il pilota della McLaren ha provocato un incidente sulle strade di Melbourne mentre si divertiva a fare un “burnout”, ovvero a far girare la macchina su se stessa per far fumare gli pneumatici.

La polizia australiana non ha perso tempo, e dopo averlo fermato ha disposto il sequestro della sua automobile e l’ha multato per “guida impropria” perché riferisce: “ha deliberatamente perso il controllo delle ruote”.

Il giovane Hamilton chiede scusa: “Sono stato fermato dalla polizia mentre stavo guidando in maniera un po’ troppo esuberante. Quello che ho fatto è stupido e perciò chiedo scusa”.

Ma per scusarsi con i suoi fan non può far altro che vincere il Gran Premio d’Australia di domani, anche se sulla stessa pista, l’anno scorso, per una manovra scorretta, perse il podio.

Il campione del mondo del 2008 è stato il migliore nella seconda sessione di prove libere del Gp di Melbourne, ma i tifosi della Ferrari gli augurano sinceramente di perdere.

Stefania Longo