Protezione civile, Bertolaso triplica le assunzioni

La Parentopoli di Bertolaso, ennesima scoperta della procura commentata bruscamente da alcuni membri del PD che vanno a infilare il coltello nella ferita già abbastanza aperta del responsabile della protezione civile.

Negli ultimi tre anni è stato triplicato il numero del personale: il settore della protezione civile è ad oggi l’unico che non conosce la parola concorso e chiunque può essere imbarcato, tra familiari e amici. Il primo fu il cognato di Bertolaso, Francesco Piermarini, e si trovano anche persone del calibro di Domenico Rivelli, 83enne in pensione da tempo regolarmente a lavoro nella protezione civile come consulente per l’emergenza rifiuti a Napoli.

Insomma con Bertolaso il nepotismo e il clientelismo è all’ennesima potenza: risulta interessante, inoltre, notare che nell’organo gestito da Bertolaso si ritrovino anche figli di magistrati di alto calibro facenti parte della Corte dei Conti.  Nel 2004 erano 320 dipendenti, oggi 800.

Mario Petillo