Serie A, Palermo-Bologna 3-1: tris di Miccoli, show dei rosanero

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:14

Il Palermo offre un’altra grande prestazione e fa secco il Bologna 3-1 consolidando il quarto posto che vuol dire Champions League. Mattatore della serata Fabrizio Miccoli che con la sua tripletta ha coronato una grande prova di tutta la squadra siciliana. Terzo stop di fila per il Bologna che non può concedersi altre distrazioni se vuole mantenere il distacco dalla zona retrocessione. Per fare fronte alle tante assenze, Rossi manda in campo il giovane Calderoni, al suo esordio in Serie A e mette Migliaccio al centro della difesa. Colomba si affida a Casarini sulla fascia, preferito a Modesto.

La partita parte subito forte e il Bologna prende di mira la fascia del giovane Calderoni che mostra però, una grande personalità. Miccoli fa subito capire di essere in serata e al ‘4 tira pericolosamente in porta, sbagliando di poco la mira. Il fantasista salentino non se lo fa ripetere due volte e alla seconda chance fa centro. Pastore inventa un passaggio smarcante in area per il “Romario” del salento che riceve, si ferma, prende la mira e trafigge Viviano sotto le gambe per il vantaggio siciliano. Il Bologna reagisce timidamente anche a causa di un Pastore in condizione smagliante che costringe i centrocampisti felsinei a fare falli e difendere anziché tentare l’offensiva. L’unico che appare ispirato negli ospiti è Adailton, ma il brasiliano è troppo isolato in avanti.

L’attacco rosanero fa paura e al ’15 Pastore ed Hernandez si producono in una delle più belle azioni di questo campionato arrivando dalla fascia laterale sino in porta con una serie di uno-due micidiali, l’argentino sbaglia la conclusione per quello che sarebbe stato un eurogol. Grande talento da parte dei sudamericani. Si scuotono gli ospiti che tentano la conclusione da fuori con Guana e Adailton, ma la mira è imprecisa. Al ’32 sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Portanova ha il tap-in del pareggio, ma la palla sfiora la traversa. Il pareggio arriva comunque al ’37 quando Adailton si guadagna un fallo al limite dell’area e poi mette la palla all’incrocio dei pali su calcio piazzato.

Dura poco la situazione di parità in quanto Buscè atterra Hernandez in area di rigore al ’41 di gioco. Penalty concesso e Miccoli che spiazza Viviano per il 2-1. Rabbiosa reazione rossoblù con Di Vaio alla conclusione dopo un’azione insistita. Sirigu blocca. Si chiude così la prima frazione di gara. Si riprende senza cambi, ma con lo stesso ritmo forsennato del primo tempo. I bolognesi fanno più possesso palla, ma sono poco concreti. I rosanero al contrario, sono letali su contropiede e si rendono pericolosi con Bertolo prima e Pastore poi. Colomba prova a ridisegnare i suoi con Gimenez e Mingazzini, ma in questa fase del match entrambe le formazioni rifiatano.

La situazione non cambia e il tecnico felsineo butta nella mischia anche Zalayeta per un Bologna a trazione decisamente anteriore. Le ultime speranze degli ospiti purtroppo si spengono, quando al ’78 Liverani libera Miccoli in contropiede con una vera e propria magia tattica. Il numero 10 rosanero non si fa pregare e mette dentro il gol che chiude la partita e determina la sua tripletta personale. Adailton ci prova ancora un paio di volte nei minuti finali, ma senza esito. Il Palermo è sempre più quarto e lanciato verso la Champions. Bologna in crisi.

PALERMO-BOLOGNA 3-1

MARCATORI: Miccoli al 10′ p.t. e al 24′ p.t., Adailton al 38′ p.t.; Miccoli al 34′ s.t.

PALERMO : Sirigu, Cassani, Migliaccio, Goian, Calderoni (Celustka dal 31′ s.t.), Bertolo (Blasi dal 42′ s.t.), Liverani, Nocerino, Pastore, Hernandez (Budan dal 38′ s.t.), Miccoli (Benussi, Gio. Tedesco, Cappelletti, Giovio). All. D. Rossi

BOLOGNA : Viviano, C. Zenoni (Gimenez dal 17′ s.t.), Portanova, Britos, Lanna, Buscè, Mudingayi, Guana (Mingazzini dal 25′ s.t.), Casarini (Zalayeta dal 31′ s.t.), Adailton, Di Vaio (Colombo, Santos, Pisanu, Succi). All. Colomba

ARBITRO: Russo di Nola.

NOTE: Spettatori 27.092.  Ammoniti: C. Zenoni, Calderoni, Mudingayi e Britos per gioco falloso. Recupero: 0′ p.t e 4′ s.t.

Giuseppe Greco

?