Vino rosso e spirito combattivo, il segreto per vivere a lungo

Ultimamente se ne parla tanto e girandosi un po’ intorno non è più così difficile scovarne uno, sono gli ultra centenari da tenere distinti dai super centenari…Eh sì, perché gli ultra centenari sono quelli che non hanno ancora superato i 105 anni, ma i super centenari di candeline ne hanno spente più di 110… Ci si chiede ovviamente quale possa essere il segreto di questi super nonni che spesso stanno bene in salute, senza particolari acciacchi se non…legati alla veneranda età… Cerca di svelarcelo Mariano Malaguarnera, del Dipartimento di Medicina interna università degli Studi di Catania, che ha partecipato congresso ‘Conoscere e curare il cuore 2010’, promosso a Firenze dal Centro nazionale per la Lotta contro l’Infarto e che ha lavorato a lungo con i pazienti centenari: attività fisica, antiossidanti nella loro dieta quotidiana e…un bicchiere di un buon vino rosso! Questa la formula magica per vivere a lungo e bene!

«Oggi li consideriamo un’eccezione, ma in un prossimo futuro potrebbero essere la norma. Quindi è necessario capire quali siano, anche per loro, gli stili di vita migliori per mantenersi in salute ed essere autonomi». Il centenario, «a differenza di quanto molti credono, cammina, si muove: ne ho conosciuto qualcuno che guidava persino la macchina», assicura l’esperto. Ed è proprio questa capacità «di fare e progettare a mantenerli in vita, e bene». La ‘ricetta’ è semplice: «Attività fisica equilibrata, alimentazione adeguata, in quantità ridotte ma ricca di antiossidanti. E, soprattutto, uno spirito combattivo e positivo che spesso fa la differenza», conclude Malaguarnera.

Caterina Cariello