“Daddy sitter”: per chi non ne può fare a meno

Robin William e Jonh travolta , due star del cinema di bambini e per bambini, non sembrano aver scelto la giusta direzione. O meglio, firmati da chi di kolossal ne sa qualcosa sfatano il mito: non è sempre vero che formula vincente non si cambia. A volte sarebbe meglio pensarci. Non di certo per dire che gli attori non siano azzeccati, ancora in grado di resuscitare l’audience di palinsesti anche con film decennali.

Daddy sitter” ennesimo pseudonimo italiano all’ americana, va a sostituire il tiolo originario Old Dogs che forse

avrebbe scaturito  sorpresa: ancora il mito del papà baby sitter non suscita attenzione anzi, è attualità e senti chi parla e mrs doulfire, ci mostrano che non siano poi così recenti novità queste idee. 
Gli attori interpretano due grandi amici e soci in affari: uno divorziato e l’altro scapolo. Alla vigilia di un importante contratto commerciale, il primo scopre di essere padre da ben sette anni di due gemelli. E l’ex partner si rifà viva chiedendogli di occuparsene, mentre lei dove scontare una condanna in carcere di sue settimane. Triste.
Aiutato dal suo amico, all’inizio riluttante, l’uomo si prenderà cura di due bambini non proprio tranquilli e riscoprirà l’istinto paterno. Si rivedono quei personaggi già visti nel passato, le stesse espressioni un pò più rugose forse che danno l’impressione di essere come tutti gli anni  davanti le repliche della rete nazionale piuttosto che in sala cinematografica. Walt Becker, regista, non sa farci divertire o forse, poco aiutato dallo sceneggiatore, rilancia poche gag nelle scene e gli attori poco sfruttati per il loro talento, sembrano appena svegli dopo un lungo sonno. Il papà che fa il baby sitter, è qualcosa con cui il cinema gioca da tempo e che inadeguato alle aspettative che si ripone in Disney, ci rende delusi. La famiglia è un valore da consolidare è vero:  Travolta, con sua moglie Kelly Preston, e la loro figlioletta Ella Bleu  insieme appassionatamente forse questo ce lo fanno capire.

Ilaria Salzano