Due corti americane contro il Vaticano: i preti sono “impiegati” del papa che ne è responsabile

Le corti federali degli stati americani dell’Oregon e del Kentucky hanno confermato che ammetteranno possibili azioni legali contro il Vaticano. Cause che si riferiscono ai presunti abusi sessuali su minori perpetrati da esponenti religiosi insospettabili. La sede pontificia verrà ritenuta colpevole perché i preti nel mondo sono “impiegati” del papa che ne è responsabile.

Il Vaticano, che si è definito esterrefatto, ha fatto ricorso alla Corte Suprema Usa per fermare il procedimento almeno in Oregon. Gli avvocati di entrambe le parti lavorano intensamente a riguardo e le scorse settimane hanno incontrato a Washington dei funzionari governativi per studiare le conseguenze di questa decisione.

La situazione del Kentucky è leggermente diversa rispetto allo stato occidentale. La prima vera azione legale contro la Santa Sede risale addirittura al novembre 2008, quando per la prima volta allo Stato Vaticano non venne garantita dagli Usa l’immunità sovrana sancita dal Foreign Sovereign Immunities del 1976, che preserva la sede pontificia da queste beghe tribunalesche.

Le due denunce presentate in questi giorni contengono del resto accuse molto gravi. Quella del Kentucky riguarda una denuncia presentata da tre uomini che sostengono di esser stati molestati quando erano chierichetti in una parrocchia di Louisville. L’azione legale contro la Santa Sede mira proprio ad avere dei risarcimenti morali per i decenni di insabbiamento del fatto

L’azione legale dell’Oregon ha una storia molto diversa. Riguarda un uomo di Seattle che sostiene di essere stato molestato, quando era bambino, da un prete morto nel 1992. Un’azione legale iniziata nel lontano 2002. L’ultimo atto risale al marzo 2009, quando la Corte d’appello accettò finalmente le richieste della presunta vittima che intendeva portare in giudizio il Vaticano, l’arcidiocesi di Portland e l’arcidiocesi di Chicago. Colpevoli di aver trasferito di sede in sede il reverendo Andrew Ronan, pur sapendo che aveva commesso ripetuti atti di pedofilia, senza prendere alcun provvedimento a riguardo.

Precedenti pericolosi. Se si arrivasse alle condanne potrebbero aprirsi altre analoghe denunce e il Vaticano sarebbe costretto ad affrontare moltissime cause e procedimenti legali in tanti tribunali statunitensi.

Alessandro Frau