Home Spettacolo Gossip

Amici 9: parlano i genitori dei finalisti a poche ore dalla finale

CONDIVIDI

Ancora poche ore di distanza dalla grande serata finale del talent show di Canale 5, Amici 9, che vedrà sfidarsi i quattro finalisti in gara, Emma Marrone, Loredana Errore, Matteo Macchioni e Pierdavide Carone, che oggi si giocheranno il primo posto sul podio. Ad un passo dall’ultima emozionante puntata, sul settimanale DiPiù oggi troviamo il racconto dei genitori dei quattro cantanti in finale.

Si parte da Loredana Errore, vera protagonista femminile del talent, che con Amici 9 sta vivendo la sua seconda favola, dopo la prima grande iniziata 25 anni fa, quando i suoi genitori, Michele ed Enza, la tolsero da un orfanotrofio di Bucarest, regalandole una splendida famiglia. Il padre di Loredana, ricordando quel periodo, racconta: “Non è stato facile perché, per colpa della burocrazia, abbiamo dovuto fare avanti e indietro fra Agrigento e la Romania per circa un anno. Loredana è diventata la nostra bambina e ora siamo tanto orgogliosi di lei”. Nonostante l’adozione effettiva, Loredana rimase nell’orfanotrofio per un ulteriore anno a causa delle lunghe pratiche burocratiche che le avrebbero consentito di arrivare in Italia. Il papà Michele, racconta il periodo complicato, durato cinque anni, dalla loro richiesta di adozione, anzi, doppia richiesta, poiché insieme alla moglie avviarono due pratiche, una in Romania e una in Italia. I due bambini, Loredana e Sam, arrivarono contemporaneamente. Loredana e la musica, invece, sono cresciute di pari passo. Già all’età di cinque, sei anni, racconta il padre, Loredana ha iniziato a far trapelare la sua grande passione, e nonostante i numerosi lavori svolti e le grandi delusioni, alla fine ce l’ha fatta ad approdare ad Amici, e a vivere fino in fondo il sogno della vittoria finale.

Anche i genitori di Emma Marrone esprimono il loro grande entusiasmo per il successo della figlia, affermando, sulle pagine dello stesso settimanale: “Non ci sono parole per descrivere le emozioni che ci ha dato questa grande avventura di Amici. Abbiamo provato tanta gioia, tanto entusiasmo, ma anche tanta tensione e ansia”. L’intera famiglia Marrone, ovviamente, farà il grande tifo per Emma anche e soprattutto questa sera. Nonostante il periodo fortunato (brevissimo), vissuto in seguito alla vittoria di un altro talent, Superstar Tour, Emma, dopo la delusione, ha iniziato a svolgere vari lavoretti, senza però mai trascurare il suo amore per la musica. “La sera andava ad esibirsi nei locali con i vari gruppi musicali dei quali ha fatto parte nel corso degli anni”, racconta la madre, ricordando così il lungo periodo di gavetta da parte della cantante leccese, che in famiglia ha sempre respirato la musica, poiché tutti i membri, in qualche modo, ne sono stati contagiati.

Pur non essendo cresciuto in una famiglia di musicisti, per il “nuovo Bocelli”, il cantante lirico Matteo Macchioni, la musica ha sempre occupato un posto speciale nella sua vita. “Fin da piccolo ha sempre amato la musica. Pensi che aveva sei anni quando ha iniziato a suonare il pianoforte. Lo amava così tanto che, facendo qualche sacrificio, io e mio marito gliene abbiamo voluto regalare subito uno, di quelli da studio”, racconta la mamma del ragazzo. Dopo il diploma da geometra, è arrivato quello in pianoforte, sempre raggiunto con ottimi risultati, confermando così il suo grande amore per la musica, portato avanti con responsabilità, tanto da diventarne maestro, guadagnando così i soldi necessari per investire anche nel canto.

Infine, arriva il turno del giovane e talentuoso Pierdavide Carone, del quale si ricorderà sicuramente il brano, da lui scritto, vincitore del Festival di Sanremo 2010. La passione per la musica, è cresciuta contemporaneamente ad un grande dolore familiare: “Nel 1999, quando Pierdavide aveva 11 anni, io e suo padre ci separammo e io andai via di casa”, ha raccontato la madre, che ha raccontato la grande sofferenza del figlio che avrebbe voluto andare a vivere con lei, ma che la stessa non avrebbe potuto garantirgli un futuro in quel momento: “Quando mi sono stabilizzata a Scandiano, vicino a Reggio Emilia, dove abito adesso, ho chiesto a Pierdavide di venire a vivere con me, ma ormai lui era cresciuto e aveva la sua vita al paese di suo padre”. La grande nostalgia della madre, spinse però il giovane talento, a cimentarsi nella musica: “Fu allora che iniziò a scrivere le prime canzoni e, a 13 anni, compose un brano al quale tiene moltissimo: si intitola Le parole che non ti ho detto e parla del rapporto difficile con la mamma. ‘Papà, la musica mi aiuta a sfogarmi, a capire, a crescere’, mi disse. Fu allora, credo, che nacque il Pierdavide cantautore”, ha infine raccontato il padre.

Emanuela Longo