Stasera al Chiambretti Night, ospite d’onore Giovanni Trapattoni

Serata (anzi decisamente quasi nottata) molto interessante su Italia Uno. Nel consueto orario (mezzanote/un quarto a mezzanotte) andrà infatti in onda la puntata del martedì del Chiambretti Night. Ospite (chiaramente Numero Uno) del simpaticissimo e irreverente Piero, sarà l’allenatore della nazionale di calcio irlandese Giovanni Trapattoni, praticamente un pezzo di storia del calcio italiano prima come giocatore e poi come allenatore.

Il Trap sarà questa sera sottoposto, come consuetudine del programma tv, alla solita trafila di domande, a trecentosessanta gradi. Si parlerà sicuramente di calcio ma altrettanto certamente si parlerà anche di vita personale. Seduto sulla classica sedia che è un po’ il biglietto da visita di questo show in cui a parlare sono espressasmente solo i Numeri uno, Trapattoni subità i consueti interrogativi, spesso spigolosi, dell’irriverente conduttore.

Molto probabilmente uno degli argomenti dell’interrogatorio, riguarderà la tanto chiaccherata questione della mano di Tierry Henri. Il famoso arto, grazie al quale il giocatore francese rifilò nella partita tra i transalpini e l’Eire del Trap, un goal che condannò la squadra allenata dal ct italiano ad una inaspettata (e chiaramente non digerita) esclusione dal mondiale.

Non è la prima volta che il simpatico Piero ospita nel suo programma un pezzo di storia del calcio europeo. Prima del Trap infatti in studio si erano già accomodati Michel Platinì, il 17 marzo, e ancora prima, anche l’allenatore dell’Inter Josè Mourinho.

In particolare lo stesso ex campione juventino e attuale presidente dell’Uefa era stato interrogato dall’irriverente Piero, sulla sua posizione in merito alla mano miracolosa di Tierry Henri. Molto equilibrata la risposta dell’ex calciatore della Juventus che aveva sostenuto come tette le polemiche seguite al gesto atletico di Henri, fossero state possibili solo grazie all’occhio della tecnologia che aveva scoperto ciò che nel calcio di un tempo pure avveniva ma, a causa dei limitati mezzi, non veniva rilevato e quindi non finiva nel circolo vizioso delle polemiche.

Quale sarà invece l’idea su questa interpretazione del prossimo ospite di Chiambretti, Giovanni Trapattoni?

E.l.